Trovare il segnale in un mondo rumoroso

In ogni spazio nuovo in via di sviluppo, è inevitabile che ci sia molto rumore. Le nuove soluzioni competono per un nuovo mercato sia contro i monopoli esistenti, che attualmente detengono il mercato, sia contro altre tecnologie che cercano di sostituirli. | Jeff Booth

Trovare il segnale in un mondo rumoroso
Trovare il segnale in un mondo rumoroso
Traduzione dall'originale di Jeff Booth - pubblicato il 9 ago 2022
Visual respresentation of the word signal amount noise

In ogni spazio nuovo in via di sviluppo, è inevitabile che ci sia molto rumore. Le nuove soluzioni competono per un nuovo mercato sia contro i monopoli esistenti, che attualmente detengono il mercato, sia contro altre tecnologie che cercano di sostituirli.

Difficile da capire

Ciò è particolarmente vero per quelle innovazioni/scoperte rivoluzionarie che cambiano il nostro mondo e ci costringono a usare una nuova lente per comprenderlo. I pregiudizi precedenti ci rendono meno propensi a studiare le nuove innovazioni sulla base di principi fondamentali. I dati sono un'eredità dei nostri modelli esistenti, non di quelli nuovi. I nuovi modelli devono essere intuiti per prevedere ciò che accadrà, invece di essere previsti sulla base dei dati storici. Semplifichiamo i modelli nel nostro cervello per risparmiare tempo e, di conseguenza, la maggior parte delle persone cade nella trappola di prevedere il comportamento futuro guardando al passato.

È per questo che quando si utilizzava un telefono Blackberry quando è uscito l'iPhone, non si poteva prevedere come sarebbe cambiata la nostra mente, e la nostra mente, cambiando a causa del nuovo valore creato, avrebbe cambiato un settore. Ci muoviamo istantaneamente quando ci viene dato qualcosa di maggiore valore, ed è impossibile prevedere questa mossa prima di averla "vista".

È per questo che Kodak è stata distrutta dalla stessa macchina fotografica digitale che aveva creato, e Blockbuster non ha visto la minaccia di Netflix finché non è stato troppo tardi.

Ed è lo stesso motivo per cui tutti i monopoli falliscono quando fraintendono la creazione di valore per la società da parte delle nuove tecnologie. L'adozione della tecnologia avviene molto spesso dal basso verso l'alto anzichè viceversa. Perché: Semplicemente perché le persone più lontane dal potere monopolistico hanno più da guadagnare e quelle più vicine al monopolio hanno più da perdere.

Se a ciò si aggiunge che il numero di persone lontane dal monopolio è sempre molto più alto di quello delle persone vicine, è facile capire quanto velocemente qualcosa che crea più valore per queste persone possa prendere piede e rafforzarsi, rendendo il monopolio impotente a contrastarlo.

Nota - Questo quadro è importante da considerare indipendentemente dal fatto che il monopolio sia all'interno di un settore o che si applichi al denaro stesso.

Più difficile da capire

È ancora più difficile comprendere le tecnologie di uso generale come l'Intelligenza Artificiale, che interessano tutti i settori, o prevedere il loro tasso di progresso. Poiché queste tecnologie generiche si applicano alla maggior parte della creazione di valore nel tempo, possiamo facilmente sottovalutare l'impatto corrispondente su ogni azienda e, a sua volta, sulle nostre vite. Ad esempio, fingere che un'intelligenza artificiale ristretta o generica non avrà un impatto negativo sul nostro lavoro un giorno è qualcosa che vogliamo credere, il che fa sì che le narrazioni che sostengono questa linea di pensiero siano popolari, anche se non vere.

Il più difficile da capire

Ma le innovazioni più difficili da comprendere sono le tecnologie aperte decentralizzate a livello di protocollo. Questi protocolli creano valore sotto forma di una nuova base che emerge lentamente e metodicamente. I protocolli sono costruiti a livelli, il che significa che in genere non possiamo vedere cosa è possibile fare sul livello successivo finché non è già stato costruito. Il protocollo tecnologico di base (livello 1) che ha permesso di collegare in rete i computer si chiama TCP-IP (Transmission Control Protocol e Internet Protocol) ed è stato sviluppato dalla DARPA alla fine degli anni Sessanta. Solo nel 1989 Tim Berners-Lee inventò l'HTTP (Hypertext Transfer Protocol) sul livello 4, che avrebbe collegato i computer e le pagine web e avrebbe dato vita al World Wide Web.

Per questo motivo, se all'inizio degli anni '90 provaste a spiegare a qualcuno il livello di protocollo aperto TCP-IP, che permetteva ai computer precedentemente isolati di parlare tra loro, o anche l'HTTP (Hypertext Transfer Protocol), o se provaste a dirgli che un giorno quella stessa tecnologia (in gran parte invariata) avrebbe dato origine all'iPhone, a Google, a Zoom, ad Amazon e a tutto ciò che oggi diamo per scontato, i suoi occhi si rovescerebbero per l'incredulità.

Noi percepiamo il valore attraverso i prodotti ed i servizi che lo veicolano, invece di cercare di capire i dettagli intricati dell'impianto idraulico che dà origine a quei prodotti e servizi.

Cercherò di utilizzare un quadro di riferimento per considerare come questo si applichi a Bitcoin e alla prevedibile ascesa delle Altcoin, della finanza decentralizzata (DeFi), del Web 3, del Metaverse e dell'intero spazio blockchain.

Ma prima di arrivare a questo punto, dobbiamo partire da un livello superiore, perché l'astrazione di livello superiore influenza e amplifica tutto il resto.

Dobbiamo iniziare dal denaro. Dobbiamo partire da lì per lo stesso motivo esposto in precedenza.

Vale a dire:

  1. sperimentiamo il valore attraverso prodotti e servizi che ci danno valore, invece di cercare di capire gli intricati dettagli dell'impianto idraulico che dà origine a quei prodotti e servizi, e
  2. Il denaro è lo strato di base che dà origine a tutto il resto.

Pertanto, quando il denaro si rompe, rimanere in piedi quando il terreno cede non offre molto in termini di sicurezza.

Il denaro è solo informazione

Potrebbe essere difficile da capire perché il denaro è un'informazione importante, ma non desideriamo più pezzi di carta (o le unità digitali che rappresentano). Desideriamo la sensazione che proviamo nel possedere quei pezzi di carta e ciò che possono comprarci. Indipendentemente dal fatto che questo "acquisto" sia una sensazione di sicurezza, un'eredità da donare ai propri figli, una vacanza, uno status, una casa o la libertà. Il denaro è solo l'informazione (un registro) che ci permette di misurare ciò che abbiamo e ciò che ci vorrà (nella nostra mente) per raggiungere il risultato desiderato. La paura, l'avidità e il desiderio umano di volere di più si aggiungono a quel registro e al confronto con altre persone.

È logico quindi che 1) se il denaro è solo informazione e 2) il denaro viene manipolato dalle Banche Centrali a un ritmo senza precedenti per evitare un collasso del sistema creditizio, allora 3) la disinformazione DEVE crescere in tutto il sistema (un derivato di secondo ordine della disinformazione è che la fiducia DEVE diminuire in tutto il sistema).

Ma questo è lo sfortunato sistema in cui viviamo, con conseguenze estremamente negative. Poiché misuriamo un sistema dall'interno del sistema stesso, per la maggior parte della popolazione sarebbe praticamente impossibile vedere la verità. Allo stesso modo, ogni azienda, organizzazione e partito politico è composto da persone simili che misurano il sistema dal sistema, mentre ogni membro della nostra società crede di poter vedere attraverso questa disinformazione meglio di altri.

(Caveat emptor - Anche se faccio del mio meglio per approfondire le questioni per capire entrambe le parti e dove potrei sbagliare, questo include me e le parole di questa pagina).

Di conseguenza, è del tutto logico che regnino le teorie cospirative, la confusione, la polarizzazione, i pregiudizi tra gruppi e il caos sociale.

La disinformazione sotto forma di denaro non creerebbe solo polarizzazione. Dato che il denaro collega il valore tra le persone e le nazioni, si verificherebbe una tremenda cattiva allocazione del capitale e delle risorse, in quanto i singoli attori del sistema peggiorerebbero il sistema stesso con le loro azioni per guadagnare abbastanza denaro da sfuggirne. A inseguire rendimenti sempre più alti non sarebbe solo il pubblico in generale. Anche i piani pensionistici, che hanno bisogno di determinati rendimenti di crescita per rimanere solvibili e pagare le passività sotto forma di prestazioni pensionistiche, cercherebbero rendimenti "reali" più elevati. Tutti loro, e anche noi, alla ricerca di modi per risolvere un problema di crescita per sfuggire al sistema stesso che lo ha creato.

In un mondo così, sarebbe facile cadere nella trappola degli schemi piramidali e di quelli per arricchirsi rapidamente. Infatti, la struttura stessa della manipolazione del denaro (informazioni) e la corrispondente struttura di incentivi garantirebbero la crescita di un mercato per abusarne - sia nelle criptovalute che nel mercato generale. Tutti coloro che misurano e cercano di creare valore da questo sistema contribuirebbero inconsapevolmente a una maggiore insicurezza. Nessuno sarebbe esente. Tutti, alla ricerca di un rendimento più elevato per sfuggire all'attuale svilimento delle valute, si affollano in mercati che a loro volta danneggiano altri.

Con questa 1) disinformazione come sfondo e 2) l'emergere di una nuova tecnologia a livello di protocollo (ricordate che i protocolli aperti forniscono il massimo valore alla società e sono i più difficili da capire), sarebbe straordinariamente difficile capire perché il Bitcoin da solo si distingue come tecnologia innovativa e dove si sta dirigendo. Per estensione, in questo ambiente sarebbe relativamente facile per i malintenzionati confondere Bitcoin con Crypto, Web 3, DeFi, Blockchain, Metaverse e altre convenzioni di denominazione per ottenere un vantaggio per la loro offerta. Un mercato pubblico che 1) credeva che fossero simili e assisteva a un'ascesa meteoritica del Bitcoin negli ultimi 13 anni (mentre contemporaneamente perdeva potere d'acquisto nelle proprie valute) e 2) non aveva il tempo di fare ricerche approfondite, sarebbe stato un facile bersaglio per imitatori, truffatori e persino attori ben intenzionati che potevano essere male informati, promuovendo la prossima grande novità.

Ciò contribuirebbe ad amplificare i cicli di alti e bassi del Bitcoin e a offuscarne la vera natura. In primo luogo, aumentando la leva finanziaria, l'ipotecazione e la ri-ipotecazione nello spazio complessivo, sfruttando il Bitcoin (che non ha rischio di controparte) come bene al portatore incontaminato e amplificando il prezzo del Bitcoin in salita. In secondo luogo, quando ciascuna delle altcoin e degli schemi di DeFi ad esse legati, sono crollati a causa della stessa leva finanziaria, creando "corse agli sportelli" che hanno amplificato la caduta del prezzo del Bitcoin (in termini di USD), in quanto il bene al portatore incontaminato (BTC) è stato venduto in un mercato in crisi per coprire le perdite.

Il crollo del mercato monetario, di dimensioni molto più grandi (il bilancio mondiale è circa 4 ordini di grandezza più grande dell'attuale valore di mercato del Bitcoin) e l'allentamento o la stretta della Federal Reserve e di altre banche centrali in termini di fiat, non farebbero altro che amplificare l'intero processo qui descritto e creare ulteriore confusione.

Con questa premessa, fornirò un semplice quadro di riferimento per spiegare perché Bitcoin non ha eguali nel suo design, in modo che altri possano usarlo per decidere da soli. Spero che, comprendendo i necessari compromessi richiesti nella progettazione di qualsiasi blockchain, il pubblico in generale e/o i responsabili politici possano comprendere più accuratamente i compromessi e vedere il segnale attraverso il rumore. Nel farlo, mostrerò anche perché l'ascesa delle blockchain e delle altcoin concorrenti è prevedibile, i vantaggi e gli svantaggi e perché, a mio parere, alla fine ognuna di esse fallirà.

Scegliete 2 dei 3 lati del triangolo. Ma sceglietene solo 2:

Decentralizzazione, Sicurezza, Scalabilità

Bitcoin (sul livello 1) ha risolto (a) la decentralizzazione e (b) la sicurezza. Mai nella storia la società ha avuto decentralizzazione e sicurezza insieme. Tredici anni dopo la sua scoperta/invenzione da parte dello pseudonimo Satoshi Nakamoto e indipendentemente dalla quantità di Stati nazionali, sfide economiche o FUD (Fear, Uncertainty Doubt, paura, incertezza, dubbio), il Bitcoin rimane decentralizzato e completamente sicuro. Si tratta di una questione più importante di quanto non sembri a prima vista. Poiché nel corso del tempo la società non ha mai potuto contare su decentralizzazione e sicurezza insieme, ha dovuto affidarsi alla fiducia nelle istituzioni e allo stato di diritto (per tenere sotto controllo tali istituzioni) per proteggersi. La Magna Carta, la Dichiarazione d'Indipendenza e molti altri documenti di questo tipo hanno sancito nel tempo i diritti dei cittadini contro il potere incontrollato dei governanti. Il problema è che su un orizzonte temporale più lungo, il denaro supera le leggi, quindi le leggi da sole non possono risolvere il problema della fiducia. Le leggi cambiano nel tempo garantendo a chi ha accesso al denaro di riscrivere le leggi o di prevalere in tribunale. Una riflessione sul mondo in cui viviamo mostra questa spiacevole verità. Cioè: dove il denaro è più diffuso, lo stato di diritto crolla!

Lo Stato di diritto non protegge i cittadini dalla manipolazione del denaro. Protegge coloro che sono più vicini alla manipolazione.

Bitcoin rimane decentralizzato e sicuro grazie al suo design. Due elementi critici di progettazione hanno portato a questo risultato. 1) una dimensione limitata dei blocchi e 2) l'uso dell'energia per proteggere la rete attraverso la prova di lavoro. *Altri elementi di progettazione collegati a questi due elementi rimangono fondamentali per la sicurezza e la decentralizzazione della rete. Per i lettori che desiderano approfondire, questi elementi saranno esplorati più avanti in questo post con link ad alcuni grandi leader di pensiero e contenuti. È importante ricordare che Bitcoin è open source, il che significa che è aperto a tutti (per essere usato liberamente), non è controllato da nessuno e può essere liberamente modificato da chiunque attraverso un fork per cercare di progettare in un modo diverso che crei più valore per gli utenti.

Progettando in questo modo, negli ultimi 13 anni il Bitcoin è diventato un eccellente deposito di valore, ma è anche rimasto largamente impraticabile come valuta o come stack tecnologico più ampio a causa della sua scarsa velocità di transazione, pari a 5-7 transazioni al secondo. (La velocità delle transazioni non era l'unica limitazione. Mantenendo piccole dimensioni dei blocchi per garantire una continua decentralizzazione, Bitcoin ha lasciato un'apertura alle blockchain/altcoin concorrenti per fare di più sul primo livello. Venture capital, imprenditori e sviluppatori si sono lanciati in questo ecosistema perché 1) l'invenzione di una nuova moneta in grado di competere con #Bitcoin avrebbe permesso di ottenere enormi profitti a breve termine per i suoi fondatori e finanziatori di venture capital, e 2) con una dimensione del blocco più grande e una blockchain più permissiva, si sarebbe potuto fare di più. Queste blockchain concorrenti darebbero vita a contratti intelligenti, token non fungibili (NFT) e finanza "decentralizzata".

Sarebbe facile mostrare Bitcoin come una vecchia tecnologia, invece che come un livello di protocollo, a un pubblico che cerca scalabilità e altri casi d'uso. Tuttavia, la stessa scelta, ovvero la velocità delle transazioni o la fornitura di maggiori capacità attraverso i contratti intelligenti sul livello 1, ha richiesto a queste blockchain di sacrificare la decentralizzazione o la sicurezza, per raggiungere i loro obiettivi.

La lunga storia delle blockchain concorrenti dimostra che tutte diventano centralizzate (attraverso un consiglio o un piccolo numero di persone/nodi che prendono decisioni per tutti) o diventano vulnerabili agli hackeraggi/interruzioni man mano che scalano.

Bitcoin è l'unica a essere decentralizzata e sicura.

Perché semplicemente non c'è modo di aggirare la scelta 2 su 3 per una blockchain sul livello 1.

La conclusione logica, però, è che se si sacrifica la sicurezza per la scalabilità, la blockchain fallisce perché è insicura, OPPURE se si sacrifica la decentralizzazione per la scalabilità, una blockchain alla fine diventa inutile per motivi economici. E anche se si può sostenere questo punto di vista da un ecosistema che sembra fornire valore per una finestra di tempo, i compromessi economici della gestione di una blockchain centralizzata garantiscono che non può funzionare a lungo termine. In parole povere, se la centralizzazione è un requisito del progetto, un database è una soluzione molto meno costosa - in termini economici e di consumo energetico. Questa ragione economica da sola annulla qualsiasi beneficio a lungo termine (a parte i detentori iniziali di token) di una blockchain centralizzata per i partecipanti al sistema, perché qualcuno deve pagarla.

Questo fa sì che tutti i progetti costruiti sopra queste blockchain alternative (Web 3, Metaverse, NFT, ecc.), indipendentemente dalle intenzioni dei fondatori di questi progetti, debbano subire lo stesso destino della blockchain sottostante.

Costruire sulle sabbie mobili non è una buona strategia a lungo termine.


Alcune domande veloci per fare chiarezza:

1) Come potrebbe la finanza decentralizzata avvenire su una blockchain controllata a livello centrale?

2) In che modo la promessa di Web 3 sarebbe diversa dall'attuale potere monopolistico della tecnologia se fosse costruita su uno strato di base più costoso e controllato da pochi?

3) Qual è il valore a lungo termine di una copia digitale (NFT) di qualcosa collegato a una blockchain che fallisce?

4) Se esistesse un'alternativa a basso costo (attraverso i livelli 2 e 3) e decentralizzata che permettesse alle aziende di giochi e realtà virtuale di controllare il proprio destino piuttosto che rischiare il proprio futuro su una blockchain controllata centralmente, cosa sceglierebbero questi imprenditori? Non sarebbe più probabile che questo nuovo protocollo, invece di uno controllato centralmente, costituisca la base del "metaverso"?


Nel frattempo, gli imprenditori che costruiscono su queste blockchain, il pubblico in generale e le autorità di regolamentazione potrebbero non essere consapevoli della natura a lungo termine della vulnerabilità. Peggio ancora, il capitale e i grandi detentori dei vari schemi di altcoins potrebbero diventare partecipanti volenti o nolenti a uno schema di incentivi perversi in cui si arricchiscono o escono appena in tempo, a spese del pubblico inconsapevole. La famosa frase di Charlie Mungers "mostrami un incentivo e ti mostrerò un risultato" si applica bene a questo caso. Se si è investito capitale (da parte di Venture Capitalist) e tempo (da parte di un imprenditore o di un team) nella progettazione di una di queste blockchain o nella costruzione di un'azienda su di essa, la natura umana ci dice che è molto più facile offuscare la verità per venderla a un offerente più alto prima che crolli, piuttosto che ammettere una strategia sbagliata.

Come sempre, seguite il denaro.

La linea diventa particolarmente distorta dalle borse che offrono queste monete a un pubblico inconsapevole. Offrendo una moltitudine di titoli (altcoins), 20.000 e più, che alla fine subiscono tutti un destino simile, creano un'enorme ricchezza a spese della società. Con le commissioni di transazione in entrata e in uscita, ogni volta che qualcuno scambia una qualsiasi di queste oltre 20.000 monete. Un'attività a bassissimo rischio, resa possibile da un pubblico altamente suscettibile. La stessa ricchezza viene poi utilizzata per chiedere ai governi politiche favorevoli che consentano loro di operare. Vedendo le opportunità di investimento e di lavoro offerte dalle borse più grandi, e credendo che il Bitcoin e le altcoin abbiano una natura simile, i politici vengono facilmente influenzati. Tutto ciò fa sì che il pubblico e i media siano completamente disinformati su Bitcoin e sulla Proof of Work.

Perché: perché confondere Bitcoin, blockchain e altcoin è fondamentale per ottenere profitti.

Un'immersione più profonda nei 3 lati della piramide

1) Sicurezza

Attraverso il Proof of Work, Bitcoin offre ai minatori un modo per competere per risolvere i puzzle di hash crittografici per verificare le nuove transazioni sulla blockchain. I minatori acquistano hardware di ultima generazione per competere per ottenere Bitcoin sotto forma di ricompense per i blocchi. La ricompensa segue un programma di dimezzamento in cui la ricompensa per la soluzione del puzzle hash viene ridotta programmaticamente ogni 210.000 blocchi. A partire dal 2009, con 50 Bitcoin per ogni nuova transazione verificata sulla blockchain (circa ogni 10 minuti), si è passati a 25 Bitcoin nel 2013, a 12,5 nel 2016, a 6,25 BTC oggi, e si ridurrà della metà ogni 210.000 blocchi fino all'anno 2140. Nella naturale competizione che si crea nel libero mercato con altri attori economici che cercano di "vincere" Bitcoin, si crea un incentivo per cui i minatori vincono Bitcoin mettendo in sicurezza la rete. Poiché i costi principali del mining sono 1) l'hardware (necessario per risolvere i puzzle di hash crittografici) e 2) i costi energetici intensivi per far funzionare l'hardware, i minatori sono incentivati dalla concorrenza a ottenere un vantaggio rispetto agli altri minatori che aggiunge un tasso di hash alla rete (il tasso di hash è la potenza di calcolo totale che assicura la rete).

Satoshi ha sviluppato un modo innovativo per proteggere la rete e sfruttare la teoria dei giochi, mentre la rete si muoveva con i più recenti miglioramenti hardware che consentivano una maggiore velocità di calcolo e l'aggiunta o la rimozione di nuovi nodi dalla rete. Chiamata "regolazione della difficoltà", la rete regola automaticamente la difficoltà ogni 2016 blocchi, in base al tempo impiegato per estrarre gli ultimi 2016 blocchi, per mantenere il tempo medio di ricerca del blocco successivo a 10 minuti. Questo sfrutta l'avidità e la paura in un mercato libero di attori economici che lavorano nel proprio interesse per il guadagno, per bilanciare e proteggere costantemente la rete. Man mano che si aggiunge potenza di calcolo alla rete, l'aggiustamento della difficoltà rende automaticamente più difficile trovare i prossimi blocchi del 2016 e, viceversa, man mano che la potenza di calcolo viene rimossa, la difficoltà si regola automaticamente per rendere più facile trovare i prossimi blocchi del 2016. Questo processo crea operazioni di estrazione più e meno redditizie che sfruttano il libero mercato. Ad esempio, quando la Cina ha istituito un divieto di mining di Bitcoin nel maggio 2021, il tasso di hash di Bitcoin è sceso nell'arco di due mesi da circa 185 milioni di hash terra al secondo a 58 milioni di hash terra al secondo. Ogni 2 settimane, la difficoltà è stata regolata al ribasso per mantenere il tempo medio di blocco a 10 minuti. Con un minor numero di minatori in competizione per le ricompense e un'abbondanza di nuove attrezzature di mining disponibili sul mercato che hanno creato una pressione al ribasso sui prezzi delle attrezzature, il mining è diventato molto più redditizio. A loro volta, molte aziende statunitensi si sono precipitate a riempire il vuoto (e l'opportunità economica) creato dalla Cina. Ne è seguita una "corsa all'oro" per l'estrazione mineraria. Man mano che un maggior numero di attori economici si precipitava a trarre vantaggio dai facili profitti e l'aggiustamento della difficoltà aumentava, i profitti si razionalizzavano ancora una volta.

E così, indipendentemente da un attacco di uno Stato nazionale o da un ciclo di boom-bust guidato dall'avidità e dalla paura, la rete, a livello globale, è sempre protetta attraverso l'aggiustamento della difficoltà, creando un incentivo naturale a conquistare una quota maggiore di un premio economico. Man mano che un maggior numero di ingressi nel mercato si affaccia per approfittare delle maggiori opportunità di profitto create da un tasso di difficoltà più facile, essi aggiungono ulteriore sicurezza alla rete - portando a sua volta il tasso di difficoltà più in alto e i loro profitti più bassi. (Il tasso di hash del Bitcoin è attualmente di 212 milioni di hash Terra).

Inoltre, il processo di pagamento di attrezzature aggiuntive che poi vengono obsolete nel tempo, man mano che le nuove attrezzature diventano superiori, è costoso. Questo ha l'effetto di favorire l'ingresso di nuovi operatori/idee nel mercato. In altre parole, la sua stessa natura riduce la tendenza monopolistica di un mercato a consolidarsi attorno a pochi grandi minatori e a escludere gli altri.

I cicli di boom e bust del mining di bitcoin dovrebbero essere visti come la competizione del libero mercato per ottenere un vantaggio in un mercato perfettamente trasparente, con ogni attore razionale che cerca di trovare un vantaggio (il che porta all'innovazione energetica - vedi sotto). Il tutto, mettendo in sicurezza la rete come sottoprodotto di questa competizione naturale.

Energia (come parte della sicurezza)

Mentre molte persone credono erroneamente che il Bitcoin e il modo in cui utilizza il Proof of Work per convalidare i blocchi sia dannoso per il pianeta a causa dell'energia utilizzata per proteggere la rete, la verità è che il Bitcoin è l'unica cosa che ho trovato che permetterà una transizione verso un sistema di allineamento e abbondanza planetaria. Come ho spesso affermato: L'abbondanza nel denaro crea scarsità in tutto il resto, e la scarsità nel denaro crea abbondanza.

Al livello più alto, ciò è dovuto al fatto che il nostro attuale sistema economico per il pianeta è incongruente con la direzione in cui la tecnologia sta portando noi e la vita su un pianeta finito.

Come spiegato in Il prezzo del domani - Perché la deflazione è la chiave per un futuro di abbondanza e in The Greatest Game

Un conflitto deve essere risolto a livello di sistema.

1. La crescita esponenziale dell'efficienza guidata dal progresso tecnologico richiede una moneta che consenta la deflazione (#Bitcoin): otteniamo di più, per meno lavoro.

2. L'attuale sistema monetario fiat richiede inflazione e, di conseguenza, ha bisogno di essere manipolato per rimanere in vita. Otteniamo meno, per più lavoro.

Poiché il sistema esistente è basato sul credito, non può permettere una deflazione continua senza un collasso completo. (Perché il credito verrebbe spazzato via e il credito è il sistema) La società non voterebbe mai per far crollare il suo intero stile di vita. Ciò significa che esiste un paradosso per cui la società alla fine insisterà sempre sulla "crescita" manipolata per paura delle conseguenze del collasso, e che la crescita manipolata è la fonte primaria dei problemi con cui la società ha a che fare, compresi i danni ambientali.

In definitiva, questo accade perché, invece di permettere ai prezzi di scendere (e alla società di guadagnare tempo e libertà) con l'aumento della produttività, si presuppone che si possa "crescere" per sempre. E la crescita stessa presuppone che si possa creare denaro dal nulla per ottenerla. Questa "crescita" per avere più posti di lavoro per poter pagare le bollette, per pagare i prezzi più alti, che sono manipolati in primo luogo più alti, mantiene la società su una ruota da criceto incapace di vedere che è il sistema stesso, con il suo obbligo di crescita incorporato per servire il debito impagabile, ad essere responsabile di tutto il dolore. E c'è di peggio: nel sistema esistente, ogni innovazione che riduce il prezzo o fa risparmiare tempo in futuro deve essere compensata da un'ulteriore manipolazione della valuta per mantenere in piedi lo schema monetario esistente. L'energia stessa fornisce un buon esempio. Non è che non ci sia stata un'abbondanza di tecnologia nell'esplorazione, produzione, trasporto e sviluppo di nuove fonti energetiche. Quando ci si rende conto che la ragione principale (anche l'aumento della domanda è importante) per cui i prezzi dell'energia sono aumentati a fronte dell'entrata in funzione di nuove energie e dei guadagni di efficienza delle fonti energetiche esistenti, è che devono aumentare per sostenere il sistema creditizio esistente, ci si rende conto anche che non c'è via d'uscita dal sistema.

Al di là del fatto che il problema ambientale è irrisolvibile con il sistema attuale, Bitcoin offre un percorso verso un pianeta di Kardashev di tipo 1, in cui sfruttiamo tutta l'energia che può raggiungere la Terra dal Sole .

Kardashev scale - Wikipedia

Lo fa perché fornisce un incentivo economico positivo in una transizione verso l'energia abbondante. Dal punto di vista della domanda e dell'offerta, l'elevato costo energetico di Bitcoin per la sicurezza della rete è una caratteristica perché si crea un incentivo economico naturale e positivo per costruire l'abbondanza energetica. L'energia è il primo fattore di redditività del mining di Bitcoin, il che significa che per ottenere profitti è necessaria energia a basso costo. Un minatore di bitcoin non può rimanere redditizio pagando l'energia alle tariffe di un cliente al dettaglio, quindi non compete con l'energia.

Al contrario, scatena lo stesso comportamento del libero mercato nella produzione e nell'utilizzo dell'energia. In particolare, la ricerca di energia a basso costo o di energia incagliata. In questo modo, fornisce un prezzo minimo per l'energia e un modo per allocare il capitale a investimenti che altrimenti non sarebbero stati fatti. Questi nuovi investimenti energetici, insieme alle energie rinnovabili, permettono a regioni che un tempo erano tagliate fuori dal mondo a causa della mancanza di energia affidabile di costruire ricchezza e indipendenza energetica. La costante competizione per trovare costi energetici più bassi e/o per utilizzare il calore fornito dall'estrazione di Bitcoin per altri usi commerciali, come il riscaldamento di serre o edifici commerciali, scatena un'ondata di talenti imprenditoriali sulla sfida dell'utilizzo dell'energia. Il tutto attraverso la concorrenza del libero mercato per garantire un'abbondanza affidabile di energia e di utilizzo.

Per la maggior parte degli osservatori dovrebbe essere ormai ovvio che l'energia è più importante nella nostra vita del numero di banconote di carta stampate o di rappresentazioni digitali di tali banconote. Stampare più carta o unità digitali crea solo ulteriore scarsità di energia. L'energia sostituisce il dollaro perché senza energia non c'è economia.

Il legame del Bitcoin con l'energia per la sicurezza e il suo corrispondente effetto positivo sulla crescita reale e sull'abbondanza di energia è forse la sua caratteristica più sottovalutata (e che la stampa tradizionale ha completamente ignorato).

Questo estratto di Gigi (@dergigi) fornisce un modo nuovo di capire come l'energia protegge la rete:

Tutto ciò che non ha un costo reale - un costo immediatamente evidente e verificabile da chiunque a colpo d'occhio - può essere banalmente falsificato o semplicemente inventato. Nelle parole di Hugo Nguyen: "Attribuendo energia a un blocco, gli diamo 'forma', permettendogli di avere peso e conseguenze reali nel mondo fisico".

Se rimuoviamo questa energia, ad esempio passando dai minatori ai firmatari, reintroduciamo terze parti fidate nell'equazione, eliminando il legame con la realtà fisica che rende il passato evidente.

È questa energia, questo peso, a proteggere il libro mastro pubblico. Portando all'esistenza queste informazioni improbabili, i minatori creano un campo di forza trasparente intorno alle transazioni passate, assicurando il valore di tutti nel processo - compreso il proprio - senza alcun uso di informazioni private.

Qui arriva la parte difficile da capire: il valore che viene protetto non è solo il valore in senso monetario, ma il valore morale dell'integrità del sistema. Estendendo la catena onesta con il maggior lavoro, i minatori scelgono di agire onestamente, proteggendo le regole stesse che tutti accettano. A loro volta, vengono ricompensati monetariamente dal collettivo che è la rete.

2) Decentralizzazione

Ci sono due scelte progettuali importanti che portano alla continua decentralizzazione di Bitcoin.

1) La prima è la natura della Proof of Work nel risolvere il problema dei generali Bizantini. È importante notare che si tratta di una scoperta che non può essere risolta di nuovo. Può essere copiata, il che pone delle sfide, oppure può essere modificata per cercare di risolverla in modo diverso. Ma, a causa della relatività generale, cambiarla non può risolvere il problema senza introdurre un oracolo e una centralizzazione. Analizziamo ciascuno di questi aspetti.

a) Una copia per forza di cose non è la catena più lunga perché deve iniziare dopo il Bitcoin, che ha il maggior numero di prove di lavoro che proteggono la sua storia. La blockchain più lunga, per definizione, è quella con la maggiore fiducia. Pertanto, una copia non può avere la stessa sicurezza o fiducia. Il che fa sorgere la domanda: quale utilità fornirebbe la nuova copia di Bitcoin che non sarebbe meglio ottenuta utilizzando la catena più affidabile e sicura? O come farebbe una nuova catena senza utilità a guadagnare abbastanza trazione da competere con Bitcoin, mentre allo stesso tempo Bitcoin stava aumentando esponenzialmente la sua sicurezza e il tasso di hash grazie alla sua fiducia?

b) Il tempo universale non esiste. La teoria della relatività generale di Einstein afferma che il modo in cui sperimentiamo il tempo è dal nostro punto di vista. Il tempo è relativo a noi - dove ci troviamo. A seconda delle orbite, questa differenza di "tempo" dal nostro punto di vista sulla Terra a Marte è compresa tra 4 e 24 minuti. Questa stessa differenza di tempo si verifica anche sulla Terra, ma in intervalli così piccoli che non la notiamo nella nostra vita quotidiana. Il fatto che non ce ne accorgiamo non cambia il fatto che queste piccole differenze temporali esistono. Quando i sistemi informatici sono alla ricerca di chiavi crittografiche per dimostrare di aver trovato il blocco successivo e di aver vinto il premio, queste piccole differenze di tempo tra regioni diverse diventano di importanza critica. Due minatori Bitcoin situati in parti diverse del mondo potrebbero risolvere la crittografia esattamente nello stesso "momento" a causa di queste piccole variazioni ed essere entrambi corretti. Non si tratta solo di un'ipotesi teorica, è accaduto numerose volte nel protocollo Bitcoin e il modo in cui viene risolto è, ancora una volta, che vince la catena più lunga o la fiducia maggiore. Per un periodo di 10 minuti, o finché non viene estratto il blocco successivo, queste due catene possono essere entrambe valide finché non viene estratto il blocco successivo e i nodi confermano la catena più lunga. I minatori scelgono quale blocco ritengono valido e quando il 51% di loro sceglie il blocco valido, gli altri minatori passano alla catena più lunga. È uno spreco di energia e di risorse minare sopra un blocco orfano. Ancora una volta, la catena più lunga è quella che gode di maggiore fiducia.

A causa di questa scoperta che lega energia e Proof of Work, esiste solo un altro modo per risolvere il problema del tempo. Si tratta di introdurre un agente o un oracolo "fidato" che definisce le "regole" e poi sceglie quali transazioni sono valide. (Ma una volta introdotto un oracolo per risolvere il problema, si ripone fiducia nell'oracolo, le regole possono cambiare e si perde la decentralizzazione.

Bitcoin, attraverso la prova di lavoro, è l'unico modo per risolvere il problema. Come sottolinea Neil Degrasse Tyson: "Dopo le leggi della fisica, tutto il resto è un'opinione".

2) La seconda scelta progettuale che mantiene Bitcoin decentralizzato è la dimensione del blocco. Sacrificare la dimensione aggiuntiva del blocco sul livello 1 di Bitcoin significava un numero inferiore di transazioni per blocco di 10 minuti e/o meno spazio per i contratti intelligenti nel codice sottostante. Mantenendo la dimensione del blocco piccola, le decine di migliaia di operatori di nodi completi in tutto il mondo sono i veri responsabili dell'applicazione delle regole della rete (Tomer Strolight @tomerStrolight fornisce un ottimo resoconto di prima mano di questo potere nelle mani degli operatori di nodi qui).

Pertanto, mentre i minatori competono come attori economici per garantire la sicurezza della rete, sono tenuti sotto controllo dai nodi (che chiunque può facilmente creare e gestire) che confermano le transazioni. Questi nodi completi hanno ciascuno un'intera storia della blockchain e confermano ogni transazione. Poiché la dimensione dei blocchi viene mantenuta piccola, significa che questi nodi sono molto economici da gestire in termini di hardware e costi energetici. Il che, a sua volta, porta a un maggior numero di nodi o partecipanti che convalidano il sistema (decentralizzazione).

Aggiungendo ulteriori informazioni o spazio alla blockchain sul livello 1, il costo in termini di energia e potenza di calcolo per proteggere la rete esplode, e a sua volta porta solo i più potenti o ricchi ad avere abbastanza denaro per gestire i nodi, che a loro volta controllano le decisioni. Vale a dire, la centralizzazione. Le guerre per il Blocksize, iniziate nel 2015-2019, si sono scontrate su questa questione chiave, con molti dei più potenti sostenitori di Bitcoin all'epoca favorevoli a un cambiamento delle regole che avrebbe portato più funzionalità al livello 1, ma che a sua volta avrebbe dato loro più controllo sotto forma di centralizzazione. Bitcoin ha subito una biforcazione con un nuovo codice che rappresenta le nuove regole. A differenza dei soft fork, che sono approvati dai minatori e dai nodi e sono compatibili con il passato, gli hard fork creano una nuova catena. Ad esempio, se si possedeva un bitcoin prima del 1° agosto 2017 e si fosse verificato un hard fork a Bitcoin Cash, si sarebbero possedute monete in entrambe le catene. Si potrebbe quindi decidere di vendere una di esse a favore dell'altra o di tenerle entrambe. Di seguito è riportata un'istantanea di ciò che il mercato determina come valore di entrambe le monete.

Capitalizzazione di mercato del Bitcoin al 6 agosto 2022 - 443 miliardi di euro

Capitalizzazione di mercato di Bitcoin Cash al 6 agosto 2022, - 2,7 miliardi di dollari

La discrepanza di prezzo del fork dimostra ancora una volta che, sebbene chiunque possa cambiare le regole per offrire una moneta diversa, la catena più lunga con il maggior numero di Proof of Work gode di maggiore fiducia e, di conseguenza, viene valutata più alta dagli operatori di mercato. La decentralizzazione è una parte importante di questa fiducia.

3) Scalabilità

Come sottolineato in questo articolo, le scelte progettuali che hanno portato alla decentralizzazione e alla sicurezza che non era possibile prima di #bitcoin, hanno portato anche a scelte progettuali che mancavano di scalabilità. È qui che ha origine gran parte del conflitto e della confusione delle blockchain. Dal punto di vista della natura umana, è facile capire che ci sarebbero stati dei conflitti. Alcuni utenti volevano costruire di più in termini di scalabilità o di differenziazione sopra il Bitcoin e si sentivano bloccati dal suo lento e metodico consenso dei nodi che proteggevano l'ecosistema. Hanno quindi deciso di creare le proprie blockchain con differenziazione e hanno cercato di convincere gli altri che le nuove blockchain erano migliori in qualche modo. Mentre molti erano/sono dei veri e propri truffatori che cercano di fare soldi facili sulla base dell'ignoranza, alcuni potrebbero non essere stati nemmeno consapevoli delle implicazioni a lungo termine delle loro decisioni di progettazione nel creare blockchain destinate a fallire, sia a causa di 1) centralizzazione e mancanza di incentivi economici, sia a causa di 2) vulnerabilità della sicurezza. E una volta create, non c'era altra via d'uscita che ammettere il fallimento o continuare a cambiare promettendo di risolvere il paradosso in futuro.

Un modo diverso di scalare

I protocolli si scalano a strati. Scalare Bitcoin a strati permette di mantenere la sicurezza e la decentralizzazione del primo livello, ma anche di ottenere la scalabilità del secondo o del terzo livello, invece di sacrificare il primo. Come i livelli che costituiscono gli elementi costitutivi di Internet e, in ultima analisi, dei prodotti che utilizziamo ogni giorno. Ciascuno dei diversi protocolli opera solo su quel livello. Questa astrazione garantisce che ogni livello sia autonomo, dovendo solo sapere come interfacciarsi con il livello superiore e inferiore, il che semplifica la progettazione e la flessibilità senza sacrificare ciò che un altro livello fornisce. Questo breve video di YouTube fornisce una buona panoramica dei livelli dei protocolli di rete del modello a strati TCP-IP:

A causa del fraintendimento che i protocolli scalano a strati e del rumore generale del mercato, innovazioni come Lightning, che hanno permesso a Bitcoin di scalare, sarebbero state in gran parte respinte da un pubblico che vedeva Bitcoin come una vecchia tecnologia lenta, senza compromessi nella sua sicurezza e decentralizzazione.

Questo avrebbe fornito un'opportunità asimmetrica per le nazioni, gli imprenditori, i capitali e il pubblico che si sono presi il tempo di capire cosa stava accadendo nell'ecosistema rispetto a coloro che lo hanno ignorato.

Credo che ci troviamo in quel punto di inflessione in cui tecnologie come Lightning, Fedimint, Taro e altre daranno vita a un'ondata di innovazione nello spazio. Credo anche che, sebbene sia ancora agli inizi, il Bitcoin e il protocollo siano inarrestabili.

Di seguito è riportato un grafico dell'adozione di Lightning dalla sua nascita.

Dal recente capolavoro di Lyn Alden su The Lighting Network:

Immaginate un sistema globale con un numero enorme di nodi interconnessi. Chiunque può entrare nella rete con un nuovo nodo e iniziare a creare canali. In alternativa, molti servizi di custodia consentono ai titolari di conti di accedere alla rete attraverso i loro nodi e canali.

Ecco una visualizzazione della rete pubblica Lightning al momento. Si tratta di una rete crescente di nodi interconnessi collegati da canali di pagamento, con i punti più grandi che rappresentano nodi particolarmente ben collegati:

È ancora presto e non tutto funzionerà come previsto, ma ogni successo che si sviluppa per strati rafforza e porta più talento e capitale all'ecosistema. Alcuni di questi pezzi del puzzle (come Lightning, Taro e Fedimint) lavoreranno insieme in modi non ancora completamente compresi, accelerando l'adozione. Tutti si baseranno su una base di livello 1 che è solida come una roccia. In questo modo, molti dei "casi d'uso" a lungo termine delle monete alternative scompariranno e uno dopo l'altro falliranno.

Il protocollo Bitcoin, scalando a strati, fornirà un livello di base che fonderà un nuovo internet peer-to-peer e il denaro al suo interno. Questo costituirà una base completamente sicura, aperta a tutti e integrale per la tecnologia in generale. Come agli albori di Internet, ma questa volta decentralizzato e sicuro. Assicurando con il suo design un percorso di speranza per l'umanità: In cui l'abbondanza naturale ottenuta grazie alla tecnologia sia ampiamente distribuita alla società, invece di essere consolidata nelle mani di pochi. Le autorità di regolamentazione di alcune nazioni potrebbero cercare di rallentare o fermare il fenomeno, ma così facendo commetterebbero un grave errore. È come se avessero chiuso Internet ai loro cittadini e bloccato l'innovazione che ne derivava. Non fermerebbe l'innovazione, ma farebbe in modo che l'innovazione e il valore che ne deriva si spostino in altre nazioni. Nel corso del tempo, le persone si renderanno conto che invece di prezzare il Bitcoin "dal sistema" in cui vivono oggi, il Bitcoin prezzerà tutto in quel sistema.

Ci saranno incredibili successi, fallimenti e insegnamenti. Ma soprattutto, ci sarà un valore duraturo per la società che si basa su una solida base incorruttibile da un piccolo gruppo di persone, decentralizzata e sicura per il suo design. Questo sistema emergente, lanciato al mondo da Satoshi nel 2009, cambia tutto.

Jeff Booth