Racconti dell'Europa: la crisi dell'Eurozona mostra tutte le argomentazioni a favore di Bitcoin

'Bitcoin è una valuta che non può essere svilita. Non può essere confiscata. Le economie in crisi non possono trascinarla sull'orlo del baratro' Dan Ashmore | Bitcoin Magazine

Racconti dell'Europa: la crisi dell'Eurozona mostra tutte le argomentazioni a favore di Bitcoin
Pic. by Gerd Altmann

L'elemento che deprime il prezzo del bitcoin nel breve periodo è proprio quello che può renderlo così prezioso nel lungo periodo


Autore: Dan Ashmore | Original Date: 10/08/2022 | Tradoto da: 31febbraio | Milano Trustless | Link: Tales From Europe: Eurozone Crisis Shows The Argument For Bitcoin

Questo è un editoriale di Dan Ashmore, analista finanziario, giornalista e collaboratore di Bitcoin Magazine.

L'EUROPA

Nei circoli finanziari e macroeconomici, a volte si ha l'impressione che gli Stati Uniti siano l'unico Paese al mondo. I dati sull'inflazione sono accettati come la lettura dell'IPC negli Stati Uniti. Il mercato azionario è lo S&P 500. La valuta è il dollaro sempre dominante.

A questo proposito, non c'è bisog

no che vi dica che l'ambiente di mercato in questo momento negli Stati Uniti è abietto. L'inflazione è ai massimi da 40 anni, la Federal Reserve oscilla tra falco e superfalco e il sentiment è in caduta libera.

Tuttavia, osservando dall'Europa tutto questo caos, qualcosa salta all'occhio. Se da un lato è sconcertante vedere quanto sia grave la situazione negli Stati Uniti, dall'altro è ancora più terrificante che la situazione in Europa risulti ben peggiore. Sembra che la probabilità di una crisi aumenti di giorno in giorno, cioè se non ci siamo già dentro. E, in una visione olistica, questo riassume il motivo per cui Bitcoin potrebbe offrire una soluzione per il futuro.

L'EUROZONA

La scorsa settimana, per la prima volta nella storia, 1 dollaro è diventato più prezioso di 1 euro. Con gli americani alle prese con un'inflazione del 9,1%, almeno i loro dollari si stanno apprezzando rispetto agli euro. Se da un lato questa è una cattiva notizia per le esportazioni statunitensi, dall'altro l'indebolimento dell'euro e il rafforzamento del dollaro causano problemi molto concreti agli europei e sono correlati all'indebolimento delle valute di molte economie emergenti.

Forse una dimostrazione più illustrativa della forza del dollaro è quella dell'indice DXY, che misura il valore del dollaro rispetto a un paniere di valute estere (questo paniere include anche l'euro). Quest'anno il DXY ha registrato un'impennata assoluta, come mostra il grafico sottostante.

PERCHÈ IL DOLLARO È COSÌ FORTE?

In tempi di incertezza, gli investitori scaricano gli asset a rischio e fuggono verso la sicurezza. Ciò significa che gli asset volatili subiscono un'ondata di vendite, mentre i beni rifugio come il contante e l'oro registrano afflussi. Ma non tutti i contanti sono uguali. E nell'universo fiat, una valuta è la regina indiscussa di tutte: il dollaro statunitense.

Più volte nel corso delle crisi economiche, quando l'economia vacilla e gli investitori si allontanano dal rischio, il dollaro si apprezza grazie al suo status di valuta di riserva mondiale. Essendo la più forte di tutte le monete fiat, prospera nelle turbolenze del mercato e nei momenti di incertezza.

Basti pensare al marzo 2020, un esempio estremo di come l'incertezza e la paura possano improvvisamente scuotere i mercati. In quel periodo divenne chiaro che la pandemia COVID aveva un impatto maggiore di quanto si pensasse inizialmente, tanto che l'OMS la dichiarò pandemia l'11 marzo 2020. Nell'arco di 10 giorni, il dollaro è balzato dell'8%.

SVALUTAZIONE MONETARIA

Il dollaro è stato immensamente forte in questo periodo, nonostante lo svilimento di massa - una dimostrazione di forza tipica delle recessioni.

Tuttavia, il grafico sottostante mostra che la forza del dollaro è solo relativa alle altre valute fiat. Se confrontato con i beni reali - gas, uova, petti di pollo e pane, per esempio - si ha bisogno di un numero sempre maggiore di dollari per acquistare questi prodotti.

Se siete americani, probabilmente siete consapevoli delle difficoltà che ciò sta causando, dato che i salari faticano a tenere il passo con l'aumento dei prezzi e il tenore di vita si abbassa in tutto il Paese. Ora immaginate di essere europei, con la vostra valuta che crolla ulteriormente rispetto al dollaro, mentre continuate a combattere livelli simili di inflazione. Il grafico di Jeffrey Snider che segue dimostra che i tedeschi hanno pagato il 35% in più per il 9% in meno di importazioni. Si tratta di una statistica piuttosto assurda che mette in evidenza l'entità dei movimenti e la situazione dell'Europa.

ECONOMIE EMERGENTI

Che ne dite di un Paese come l'Ecuador? L'ho visitato il mese scorso, durante il quale sono scoppiate proteste per una serie di questioni, tra cui il costo della vita. Le vie di comunicazione sono state bloccate e i rifornimenti di cibo sono stati interrotti dalle città, con i prezzi che sono saliti a livelli quasi inverosimili. Cinque persone sono state uccise, incendi sono stati appiccati in tutto il Paese e danni per milioni di dollari sono stati causati a un'economia già in condizioni disastrose, che probabilmente ora dovrà affrontare un colpo a lungo termine per la fiorente industria del turismo che aveva lottato così duramente per coltivare.

Tutto questo fa paura. Persone che muoiono, disordini di massa, disordini politici: è la straziante realtà della situazione in cui ci troviamo con l'inflazione che si fa sentire.

Inoltre, l'Ecuador utilizza il dollaro americano, dopo il crollo della sua valuta sucre nel 1999, vittima della sporca abitudine umana dell'iperinflazione.

Con un'inflazione che si sta avvicinando a due cifre negli Stati Uniti e in Europa, è assurdo immaginare scene come quelle delle proteste ecuadoriane in queste regioni?

LE PREOCCUPAZIONI DELL'EUROZONA

Ma torniamo all'Europa. Non dimentichiamo che si tratta di una regione che ha subito una propria crisi monetaria meno di dieci anni fa, quando si dubitava seriamente che l'euro potesse continuare a esistere.

Come irlandese, sono ben consapevole del nostro contributo a quella crisi. Abbiamo subito una delle peggiori crisi bancarie della storia. Per illustrare questo aspetto ai lettori americani, il governo irlandese è stato costretto a nazionalizzare la Anglo Irish Bank nel 2009, quando si è scoperto che aveva perdite per 34 miliardi di euro (in dollari del gennaio 2009, pari a 50,5 miliardi di dollari di oggi).

Per contestualizzare: l'economia degli Stati Uniti è 60 volte più grande di quella dell'Irlanda, una piccola isola nell'Atlantico con una popolazione di soli 5 milioni di persone. Moltiplicando i 50,5 miliardi di dollari di perdite di questa banca per 60 si ottengono 3.000 miliardi di dollari. Lehman Brothers - che forse avete sentito nominare come il manifesto del fallimento bancario - è fallita con un debito di 619 miliardi di dollari, un quinto di questa cifra di 3.000 miliardi.

A noi irlandesi è andata male, ma altrove è andata peggio. A 5.000 chilometri a est di noi (o poco più di 3.000 miglia, per gli americani), i clienti della Bank of Cyprus si sono visti confiscare il 47,5% dei depositi superiori all'importo assicurato di 100.000 euro, in quello che è stato definito un 'bail-in' per sostenere le perdite bancarie - qualcosa che, nel contesto di un wallet bitcoin, sarebbe incomprensibile. Ulteriori restrizioni sono state introdotte in tutto il Paese per evitare che si verificasse una corsa di massa alle banche.

Naturalmente, un assalto di massa può essere prevenuto con la forza. Hai il controllo dei tuoi soldi?

La Grecia è stata forse la peggiore di tutte, con un'errata dichiarazione sistematica del debito e del deficit pubblico che ha coperto un pantano di incompetenza finanziaria che ha finito per far sprofondare l'economia nella recessione più lunga di qualsiasi altra economia mista avanzata fino ad oggi.

Se si aggiungono Portogallo, Italia e Spagna, l'euro era una moneta in ginocchio, che richiedeva un salvataggio dopo l'altro per mantenere in piedi le economie. Mentre scrivo questa frase sulla mia tastiera, sto ancora pagando le tasse per ripagare il salvataggio dell'Irlanda, che ammonta a 67,5 miliardi di euro, pari a oltre il 40% del nostro PIL.

Ma ehi, la Germania ci ha tenuti a galla, l'economia più potente dell'eurozona ha tirato su i ritardatari e ha (quasi) salvato la situazione. I salvataggi, suppongo, hanno fatto il loro lavoro.

Ma oggi è diverso.

COSA C'È DI DIVERSO NEL 2022?

Un parametro comune per valutare lo stato di salute dell'eurozona è lo spread tra le obbligazioni tedesche e italiane a 10 anni. La divergenza dei rendimenti obbligazionari è un flagello per l'eurozona perché intacca il concetto stesso di moneta unificata (per un esame più approfondito di questo aspetto, si veda l'articolo pubblicato la scorsa settimana dall'analista di Invezz.com Shivam Kaushik). Ho tracciato questa divergenza dello spread Italia-Germania, ora al 2,29% dopo la parità di un anno fa.

Ad accentuare ulteriormente le difficoltà dell'eurozona è la politica dei tassi, che è in netto ritardo rispetto alla Federal Reserve americana per quanto riguarda i rialzi dei tassi. Il rialzo di 50 punti percentuali della Banca Centrale Europea (BCE) della scorsa settimana, il primo in Europa in 11 anni, ha fatto sì che i tassi siano usciti solo ora dalla fascia negativa, attestandosi su un grasso 0%. E questo, insieme alla divergenza dei rendimenti di cui sopra, segnala il problema.

Una moneta unificata che contiene paesi come la Germania e l'Italia pone enormi problemi quando si devono effettuare rialzi per contenere l'inflazione. Paesi come l'Italia hanno un enorme carico di debito e sono già sull'orlo della recessione o già impantanati. Quindi, cosa succede quando la BCE alza i tassi, aumentando l'onere degli interessi di quei Paesi gravati da debiti gonfiati? Fa precipitare queste economie in una recessione ancora più profonda.

D'altro canto, il mancato aumento dei tassi garantisce praticamente un ulteriore peggioramento della crisi inflazionistica, che ovviamente non si addice ai Paesi con bilanci più sani, come la Germania. Senza un aumento dei tassi, il crollo dell'euro e l'impennata dei prezzi dei generi alimentari... continueranno ad andare avanti, credo.

Ma con l'inflazione che sale a un livello tale da costringere la BCE a intervenire, la recessione è ormai alle porte in tutto il continente. Ma questa volta c'è una differenza. La Germania non potrà - né vorrà - salvare i ritardatari. L'inflazione e la crisi energetica tedesca rendono questa possibilità remota, nel migliore dei casi, e ciò significa che non c'è nessuno che possa intervenire per salvare la situazione del prossimo ciclo di Irlanda, Cipro, Grecia, Portogallo, Spagna, Italia... Ok, avete capito il punto.

IL DEBITO GLOBALE

Tutto questo caos, naturalmente, è accentuato dalla situazione del debito, a cui gli Stati Uniti non sono estranei. Il mese scorso ho visitato a New York l'orologio del debito statunitense, un cupo indicatore visivo del debito in vita. Con 31.500 miliardi di dollari, è una cifra impressionante, ma l'unica domanda che conta davvero è... come verrà ripagato?

L'unico modo per farlo è monetizzare il debito. E questo significa continuare a stampare per ripagarlo. Gli Stati Uniti possono coniare più dollari, poiché il debito è denominato nella stessa valuta che hanno la capacità di stampare. Un accordo ingiusto, certo, ma che garantisce la possibilità di ripagare il debito. Naturalmente, la contropartita è un dollaro svilito.

Il che, ancora una volta, per Paesi come l'Italia, non è un'opzione a causa... dell'euro. Non hanno il controllo della propria politica monetaria, visto che si tratta di una moneta condivisa e tutto il resto.

Se mi freghi una volta, ti salvo. Se mi freghi due volte, ti salvo il tuo amico. Se mi freghi tre volte, è ora di alzare bandiera bianca su tutta questa storia dell'euro. O comunque l'espressione recita più o meno così.

BITCOIN

Source: nitter.unixfox.eu/bitcoinmagazine

Questo mi porta dritto alla strana valuta arancione che tutti noi amiamo così tanto. Quello che sta accadendo in Europa è esattamente il motivo per cui i fondamentali del protocollo Bitcoin sono così interessanti come copertura - ma anche, ironicamente, un riassunto del motivo per cui è così in ritardo nel clima attuale.

Si tratta di una valuta che non può essere svilita come il dollaro americano. È una moneta che ha un tetto massimo di 21 milioni di monete, a differenza dell'euro. È una moneta che non può essere confiscata, a differenza dei depositi bancari ciprioti. È una moneta in cui le economie greche e irlandesi in crisi non possono trascinarla sull'orlo del baratro, in cui gli oneri del debito sovrano (fiat) non contano.

Ma in questo momento, nel 2022, si tratta anche di una tecnologia nascente e di un asset estremamente volatile. Ciò significa che, quando i tassi vengono tagliati e la liquidità viene ritirata dall'economia, bitcoin si muove come un asset a rischio, scendendo in modo violento, nonostante questa spinta alla liquidità riduca l'inflazione contro cui molti sostengono che dovrebbe coprirsi.

Quindi no, bitcoin non è una copertura contro l'inflazione - ed è difficile sostenere il contrario. Ma la parte interessante è quando si delinea l'orizzonte d'investimento e lo si valuta nel quadro macroeconomico più ampio, cambiando la domanda se un giorno agirà come copertura contro l'indebolimento monetario che al momento non riesce a essere.

Molti non avevano mai sentito parlare di questo asset 10 anni fa. Non esisteva nemmeno durante la Grande crisi finanziaria. Ma Satoshi Nakamoto, facendo riferimento a un titolo di giornale che riportava uno dei colossali fallimenti bancari europei - 'The Times 03/gennaio/2009 Chancellor on brink of second bailout for banks' (Il cancelliere sull'orlo di un secondo salvataggio per le banche) - simboleggia ciò che può fare una valuta con un tetto rigido, fuori dal controllo di stampatori di denaro, banchieri, governi ed economisti. Può rappresentare un valore e un modo per saltare giù dal treno se mai dovesse affondare (ho confuso le metafore?).

Il dollaro statunitense è in realtà la più immune di tutte le valute fiat. È la valuta di riserva del mondo e subisce un'impennata nei momenti di turbolenza. Non ha i problemi dell'eurozona, per non parlare delle valute dei mercati emergenti.

Se pensate che il dollaro (che si sta indebolendo) sia un argomento a favore di Bitcoin, fate un viaggio in Europa. Sta diventando spaventoso... di nuovo.


Value for Value exchange (you can tip Milano Trustless for translations via Bitcoin Lightning): 31febbraio@getalby.com