Cambiamento Radicale del Sistema: Bitcoin e Decrescita

Margot Paez vede la rivoluzione dei Bitcoin e il movimento della decrescita come un movimento interconnesso che chiede un cambiamento del sistema. | Margot Paez | Magus Perivallon

Cambiamento Radicale del Sistema: Bitcoin e Decrescita

Autore: Margot Paez | Data Originale: Maggio-Giugno 2022 | Tradotto da: Sovereign Monk | Magus Perivallon

Numero #1

Il tema di questo numero: cos'è la decrescita?

Bitcoin e decrescita mirano agli stessi obiettivi. Localismo, fine del denaro a debito e vita frugale. Credito fotografico: Daria Shevtsova

Alcune riflessioni sul legame tra il bitcoin ed elementi del movimento della "decrescita", che sostiene che la crescita economica infinita sta distruggendo il pianeta.

Prima di tutto, cominciamo con ciò che è e ciò che non è. Questa è una sorta di newsletter. Diverse persone mi hanno chiesto se ho scritto qualcosa o se ho una newsletter. Se avete dato un'occhiata al mio profilo su Medium, vedrete che non ho molto di più della mia serie di quasi 10.000 parole sul ruolo del bitcoin nel porre fine all'inazione sul cambiamento climatico e di un saggio sui CBDC. Al di fuori di questo, la maggior parte delle mie idee sono state diffuse attraverso tweet e interviste in podcast.

In realtà, mi piace scrivere articoli molto approfonditi e spesso detesto scrivere opinioni (credo sia lo scienziato che c'è in me). Tuttavia, vedo l'utilità di scrivere in modo più libero, condividendo i miei pensieri sulle varie questioni che riguardano il bitcoin, l'energia e l'ambiente, senza l'ansia di produrre la forma finale più perfetta.

Cosa non è questo. Questi scritti non sono un'ultima parola sulle questioni che riguardano il legame del bitcoin con il cambiamento climatico, la sostenibilità e la decrescita. A un certo punto, scriverò quell'articolo (o libro) definitivo. Quindi siete avvertiti: le mie idee potrebbero cambiare man mano che acquisisco maggiori conoscenze e miglioro la comprensione del quadro generale.

Quindi iniziamo. Innanzitutto, vorrei spiegare cosa significa decrescita. Come ha notato Noam Chomsky, è un nome TERRIBILE per un movimento eco-sociale.

"Quando si dice 'decrescita' si spaventa la gente. È come dire che domani dovrai essere più povero di oggi, e non significa questo".
- Noam Chomsky

Sfido i miei lettori a trovarne una migliore! In ogni caso, la decrescita è molte cose riunite in una sola. È un movimento sociale, ecologico ed economico che ritiene che l'imperativo della crescita del sistema economico esistente (che io chiamo capitalismo, voi potete scegliere di chiamarlo in un altro modo) sia ciò che sta spingendo la nostra società oltre i limiti planetari.

Il sito Degrowth.org ne dà una bella definizione:

La decrescita sostenibile è un ridimensionamento della produzione e del consumo che aumenta il benessere umano e migliora le condizioni ecologiche e l'equità sul pianeta. Si auspica un futuro in cui le società vivano all'interno dei propri mezzi ecologici, con economie aperte e localizzate e risorse più equamente distribuite attraverso nuove forme di istituzioni democratiche. Queste società non dovranno più "crescere o morire". L'accumulazione materiale non occuperà più una posizione primaria nell'immaginario culturale della popolazione. Il primato dell'efficienza sarà sostituito dall'attenzione alla sufficienza e l'innovazione non si concentrerà più sulla tecnologia in sé, ma su nuovi assetti sociali e tecnici che ci permetteranno di vivere in modo conviviale e frugale. La decrescita non si limita a mettere in discussione la centralità del PIL come obiettivo politico generale, ma propone un quadro di trasformazione verso un livello di produzione e consumo più basso e sostenibile, un restringimento del sistema economico per lasciare più spazio alla cooperazione umana e agli ecosistemi.

Come si inserisce il bitcoin in questa narrazione? Il modo più ovvio è che il bitcoin promuove la frugalità (attraverso il risparmio e la preferenza per il tempo) ed è antitetico al denaro a debito (denaro creato dal credito). È un denaro che ha un vincolo con il mondo fisico grazie al legame della proof-of-work con l'uso dell'energia. Ciò significa che non solo c'è un tetto monetario di 21 milioni di bitcoin, ma ci sono anche vincoli fisici sulla crescita dell'apparato di sicurezza della rete.

Il collegamento meno ovvio è che il bitcoin promuove una filosofia di decentralizzazione o localismo. I bitcoiners sono generalmente anticonsumisti e sostenitori di idee come la permacultura e le economie circolari locali. Molti bitcoiners vedono l'inflazione come causa diretta della crescita e del consumo infiniti. I bitcoiners chiedono anche un cambiamento del sistema. A mio avviso, la decrescita e il bitcoin sono in realtà lo stesso movimento, ma sono nati da origini diverse. Questo non è così raro, ed è anzi una cosa positiva. Ciò significa che ci stiamo muovendo verso una convergenza sulla soluzione al problema del sistema esistente.

Numero #2

L'argomento di questo numero: Quando ho capito che bitcoin e decrescita potevano essere la stessa cosa...

Bitcoin e decrescita mirano agli stessi obiettivi. Localismo, fine del denaro a debito e vita frugale. Credito fotografico: Palu Malerba

Solo riflessioni sul legame tra il bitcoin ed elementi del movimento della "decrescita", che sostiene che la crescita economica infinita ci sta portando verso un percorso insostenibile ed ecologicamente distruttivo.

Ho trovato alcune divertenti alternative alla "decrescita". Una delle mie preferite è "prosperità popolare" e "permeconomia" (portmanteau di permacultura ed economia). Poi c'era questa.

Un'osservazione giusta. Per gli scettici del bitcoin, però, potrebbe essere un'impresa ardua. Inoltre, a dire il vero, le radici della "decrescita" risalgono ai primi anni Settanta. La parola stessa è una traduzione del termine francese "décroissance". Per saperne di più sulla storia della decrescita, potete consultare l'articolo di degrowth.info. Si noti che i lettori hanno definizioni diverse di capitalismo. Suggerisco quindi di sostituirlo con "sistema esistente", per renderlo più facile da digerire. Sebbene il bitcoin non sia esistito prima del 2008, non c'è dubbio che sia anche una risposta ai problemi che hanno iniziato a sorgere negli anni Settanta.

La prima volta che ho fatto il collegamento tra bitcoin e "decrescita" è stato quando ho letto un articolo sulla rivista Ecological Economics, intitolato "l'economia della decrescita". In questo articolo, c'è una sezione dedicata al "denaro non a debito e alle valute regionali". In particolare, si fa riferimento al lavoro del defunto economista Richard Douthwaite.

Douthwaite propone anche la creazione di denaro non a debito. In passato, diverse comunità hanno avuto forme di denaro non a debito. Un'autorità monetaria indipendente dovrebbe essere responsabile dell'emissione di nuova moneta, poiché i governi possono cedere alle pressioni politiche ed emettere più denaro.

Inoltre, si è opposto alle promesse monetarie, tranne in alcuni casi.

Le valute regionali non dovrebbero essere sostenute da promesse, perché ciò implicherebbe un debito. Alcuni emittenti potrebbero promettere di fornire beni reali, come l'energia o l'elettricità che i cittadini possono acquistare tramite obbligazioni con la loro valuta regionale. Tali obbligazioni regionali per l'energia potrebbero promettere di pagare al portatore il prezzo di un numero specifico di kWh il giorno della loro scadenza, denaro proveniente dai pagamenti effettuati dai cittadini per acquistare energia dall'impianto che l'obbligazione finanzierà. Queste obbligazioni non circoleranno come denaro. Ma una volta che l'impianto energetico inizierà a fornire energia, il suo comitato di gestione potrebbe anche trasformarlo in una sorta di banca, emettendo "banconote" energetiche che la gente del posto potrebbe usare per comprare e vendere beni, con la certezza che la banconota ha un valore reale in quanto può sempre essere usata per pagare le bollette dell'energia.

Ho trovato questa sezione particolarmente interessante a causa dell'uso del proof-of-work da parte di bitcoin per proteggere la blockchain. È interessante che ora si parli del mining di bitcoin come di un modo per accelerare la costruzione di nuovi generatori di energia rinnovabile. In alternativa, nello spazio bitcoin si è discusso della vendita di green hashrate bond, per finanziare lo sviluppo di energia rinnovabile nelle regioni del mondo in condizioni di povertà energetica. Credo che ci siano molte sovrapposizioni.

Numero #3

Il tema di questo numero: Il keynesianismo verde è ancora una crescita basata sui consumi.

Bitcoin e decrescita mirano agli stessi obiettivi. Localismo, fine del denaro a debito e vita frugale. Credito fotografico: John Guccione

Solo alcune riflessioni sul legame tra il bitcoin ed elementi del movimento della "decrescita", che sostiene che la crescita economica infinita ci sta portando verso un percorso insostenibile ed ecologicamente distruttivo.

Molte persone che si occupano di bitcoin hanno familiarità con Keynes e i libertari rothbardiani non amano Keynes. Come aveva notato John Nash, Keynes aveva molte facce e non tutto ciò che scriveva era sbagliato.

Oggi c'è un interesse a far rivivere e aggiornare le idee economiche keynesiane per risolvere gli errori di un sistema che ha alimentato crisi economiche, climatiche ed ecologiche. La principale organizzazione progressista di sinistra internazionale, Progressive International, fondata da Yanis Varoufakis, è uno dei principali sostenitori dell'economia verde keynesiana.

Che cos'è dunque l'economia verde keynesiana? Per questo mi rifaccio a un libro intitolato Prosperità senza crescita: Economics for a Finite Planet, di Tim Jackson e, in particolare, dal capitolo 7.

L'assunto chiave dell'economia keynesiana è il seguente:

Lo stimolo fiscale viene finanziato aumentando il debito nazionale (deficit spending). Ciò è giustificato dal fatto che tale spesa stimola la crescita attraverso un effetto "moltiplicatore". Facendo crescere i consumi (e i redditi) ora, i governi possono ripagare il debito attraverso un maggiore gettito fiscale in futuro.

L'approccio del keynesiano verde sarebbe quello di riconoscere che il debito è inevitabile in quanto parte del sistema esistente, quindi dovremmo usarlo per finanziare cose utili. In realtà, questo è anche ciò che sostengono i sostenitori della Teoria Monetaria Moderna (che si sovrappone alle idee keynesiane e al cartalismo - una teoria che dice che l'origine del denaro è attraverso il fiat statale). A molti progressisti piace questa idea, perché significa che il governo può finanziare progetti a beneficio dei cittadini senza dover pareggiare il bilancio.

Questo è stato il fondamento del New Deal della Grande Depressione, quello che Jackson definisce un "classico programma di spesa pubblica keynesiano". Jackson riconosce che gli effetti a lungo termine del New Deal furono "enormi". Tuttavia, all'epoca, c'era preoccupazione per uno stimolo sostenuto dal debito e si discute se questo si sia spinto abbastanza in là per raggiungere il vero obiettivo di Keynes, ovvero il deficit di spesa.

È opinione comune che la massiccia spesa bellica dell'epoca, attraverso i titoli di guerra, l'espansione dell'imposta sul reddito (sapevate che l'imposta sul reddito era una cosa solo per i ricchi prima della Seconda Guerra Mondiale?), i prestiti esteri e gli investimenti diretti del governo nella produzione, sia ciò che ha risollevato l'economia e l'ha riportata su un sentiero di crescita. In ogni caso, il programma del New Deal è anche il fondamento del Green New Deal del XXI secolo, il fulcro della piattaforma verde keynesiana.

Secondo Jackson, ciò può essere problematico perché l'attuale settore pubblico è già fortemente indebitato. E l'aumento di questa esposizione, soprattutto se ottenuto attraverso un maggiore indebitamento esterno, potrebbe essere costoso in seguito". Osserva che, come minimo, ci vorrebbero decenni per riprendersi da un rapido aumento del debito.

Nel corso del tempo, gli Stati Uniti sono aumentati a un ritmo più rapido dopo la crisi finanziaria globale e hanno registrato un'impennata durante la prima parte della pandemia COVID-19. Fonte: WEF

Jackson osserva anche che i mercati del debito convenzionale potrebbero raggiungere la saturazione (portando i mercati del credito al default e al panico) e che alcuni governi potrebbero fallire nella loro capacità di finanziare il debito convenzionale. Ci sono quindi problemi reali con la crescita alimentata dal debito. Suggerisce che i green bond potrebbero essere una forma alternativa di finanziamento, che incoraggerebbe allo stesso modo il risparmio (risolvendo il problema del "paradosso della parsimonia" di Keynes), ma questo richiederebbe anche il debito del settore pubblico. L'autore evidenzia alcune altre possibilità che potrebbero risultare sgradevoli per alcuni gruppi (compresi i keynesiani), come l'inasprimento fiscale attraverso una riforma della fiscalità ecologica e la partecipazione del governo in attività legate all'energia.

Il problema principale del keynesianesimo verde è che, sebbene possa risolvere alcuni problemi a breve termine attraverso gli investimenti verdi, non corregge la crisi fondamentale dell'attuale sistema economico. L'obiettivo principale di questo approccio è quello di riportare l'economia a una crescita basata sui consumi, che non è sostenibile. Keynes ha detto: "Cresceremo per uscire dal debito, perché il debito sarà mirato a creare futuri profitti per la crescita". Abbiamo livelli record di indebitamento dopo gli stimoli di COVID, è ecologicamente possibile farlo?

In definitiva, con l'approccio keynesiano verde, abbiamo ancora a che fare con un sistema monetario basato sul debito. David Graeber aveva ragione a sottolineare che il denaro è solo una promessa. Ma lui e altri esponenti della sinistra hanno sbagliato a pensare che dovremmo sfruttare questa idea a nostro vantaggio. Graeber non si è mai prefisso di dare ai suoi lettori un percorso chiaro verso le soluzioni, il suo obiettivo è sempre stato quello di fornire una prospettiva non ortodossa ai modi di essere della società già fortemente radicati. Per tutte le ragioni problematiche - che Greaber ha sottolineato in Debt: The First 5.000 Years - e non solo, piuttosto che sfruttare il fatto che il debito attualmente funziona come denaro, disaccoppiamo il debito dal denaro.

Numero #4

Il tema di questo numero: Il prezzo del denaro è l'interesse e allora?

Bitcoin e decrescita mirano agli stessi obiettivi. Localismo, fine del denaro a debito e vita frugale. Credito fotografico: Erik Scheel

Solo riflessioni sul legame tra il bitcoin e alcuni elementi del movimento della "decrescita", che sostiene che la crescita economica infinita ci sta portando verso un percorso insostenibile ed ecologicamente distruttivo.

Un lettore mi ha suggerito di leggere gli scritti di Margrit Kennedy. La Kennedy era un architetto e un professore che scriveva di interessi e di denaro senza inflazione. Ho trovato uno dei suoi libri, Interest and Inflation Free Money: An Exchange Medium that Works for Everybody (in seguito ha pubblicato un libro intitolato Occupy Money) e ne ho letto un po' lo scorso fine settimana.

All'inizio del libro, Kennedy cita Silvio Gesell. Gesell era un economista tedesco e un riformatore dei primi del Novecento. Secondo quanto riferito, si ispirò all'anarchico Pierre-Joseph Proudhon. Guido Preparata, economista e anarchico, sostiene che John Maynard Keynes abbia ammorbidito la teoria dell'interesse di Gesell, rendendola più appetibile per la classe finanziaria. Dato il ruolo dell'interesse in un sistema monetario a debito, esaminiamo brevemente la prospettiva di Gesell e vediamo se possiamo darle un senso attraverso la lente della crescita dei bitcoin.

Preparata descrive la teoria dell'interesse di Gesell come una "formulazione radicale... egli attribuisce praticamente tutte le manifestazioni del male sociale... all'incomprensione fondamentale della vera natura del denaro". Ovvero, che il denaro non è una merce. In sostanza, l'interesse - non il denaro - è la radice di tutti i mali*.

Per Gesell, il problema era che il denaro non riflette il ciclo di vita dei beni che deve rappresentare come mezzo di scambio. Questo è ragionevole, la maggior parte dei beni e dei servizi si deprezza nel tempo. Gesell riteneva che anche il denaro avrebbe dovuto farlo.

Chiaramente, questo deprezzamento non è la stessa cosa dell'inflazione. In un certo senso, la controstallia non è molto diversa dalla commissione di transazione che paghiamo per utilizzare la rete bitcoin. Paghiamo una tassa quando inviamo bitcoin, che mantiene l'integrità e la sicurezza della rete. Allo stesso modo, si può pensare alle controstallie come a una tassa che mantiene l'integrità dell'atto di scambio stesso. Questa svalutazione permette anche di eliminare gli interessi. È un'idea radicale, ma data l'economia rentier in cui viviamo ora, l'eliminazione della ricerca della rendita contribuirebbe molto a spostare la nostra economia verso una direzione più produttiva e meno diseguale.

Come funziona in pratica il denaro geselliano? In un mondo analogico, ciò significava che il denaro aveva una data di scadenza, a meno che l'utente del denaro non acquistasse un francobollo che ne prolungasse la durata (da 0,1 a 1% del valore nominale). Questo francobollo sarebbe stato la contropartita - il graduale deprezzamento nel tempo - del denaro.

Le idee di Gesell furono messe in pratica nei primi anni Trenta a Wörgl, in Germania. Questa è una vera banconota che la città utilizzava con i francobolli situati sul lato destro della banconota. Gli utenti della moneta dovevano acquistare un nuovo francobollo una volta al mese. A detta di tutti, l'esperimento fu un grande successo. Le contropartite furono investite in opere pubbliche e alleviarono la disoccupazione della città durante il periodo peggiore della Grande Depressione. Altre città vollero partecipare al progetto, ma, come è ovvio, la banca centrale tedesca si oppose e alla fine fece fallire l'esperimento.

I fondi raccolti con i francobolli vengono poi investiti in opere pubbliche. In un sistema monetario geselliano non era impossibile risparmiare, si poteva ancora tenere del denaro in banca. A differenza del denaro in circolazione, il denaro in un conto di risparmio non si svalutava. Quindi, in confronto, il denaro conservava il suo valore. Le banche utilizzavano questi depositi per investire in varie iniziative, ma le banche erano anche tenute a rispettare gli stessi requisiti di controstallia e non potevano addebitare interessi (correzione, 30.5.22: le banche potevano addebitare interessi, ma la teoria era che nel tempo questi sarebbero diminuiti a causa del fatto che la controstallia trasformava il denaro in un gioco di "patate bollenti").

Considerando gli enormi danni che il sistema bancario ha fatto all'ambiente e al pianeta, cambiare la natura fondamentale del denaro per eliminare gli interessi è molto attraente. Inoltre, in questo scenario, il denaro non può facilmente sfuggire alla traiettoria di crescita della natura. La crescita degli interessi, a differenza di quella della natura, è esponenziale. Il pagamento degli interessi richiede l'immissione di altro denaro nel sistema, il che significa anche più debito, e diventa un circolo vizioso quasi impossibile da interrompere.

Potrebbe funzionare con il bitcoin? Credo che per certi versi il bitcoin sia simile al denaro geselliano. La tassa di transazione che paghiamo agisce in qualche modo come i francobolli. Se una comunità incorpora il mining di bitcoin nella sua struttura economica, potrebbe acquisire una parte delle commissioni di transazione e investirla in opere pubbliche.

Inoltre, l'autocustodia del bitcoin è gratuita. Attraverso le associazioni di mutua assistenza, una parte del denaro risparmiato potrebbe essere multi-sig e tutti i partecipanti potrebbero raccogliere fondi per finanziare, ad esempio, l'assistenza sanitaria o la casa. Infine, l'aspetto deflazionistico del bitcoin rende gli interessi del tutto indesiderabili perché il valore del denaro aumenta nel tempo, rendendo più difficile ripagare gli interessi. Nessuna persona ragionevole stipulerebbe un prestito basato sugli interessi. Naturalmente, in questo caso, il bitcoin non è del tutto simile alla moneta geselliana. Tuttavia, potrebbero raggiungere gli stessi obiettivi?

C'è un modo in cui il vero denaro geselliano potrebbe funzionare con il bitcoin, ma lo terrò per la prossima numero. Accennerò anche a quanto sia pericoloso il denaro geselliano nelle mani delle persone sbagliate...


*Analogamente, anche la legge islamica è contraria agli interessi, perché considera un peccato far pagare per l'uso del denaro. Inoltre, secondo un geselliano autodefinitosi, non era tanto l'interesse, quanto la riserva di valore la radice di tutti i mali. Pur comprendendo che la riserva di valore è ciò che viene disaccoppiato, non sono giunto alla stessa conclusione.

Numero #5

L'argomento di questo numero: Sono ancora nella tana del coniglio della controstallia, scusate, non scusate.

Bitcoin e decrescita mirano agli stessi obiettivi. Localismo, fine del denaro a debito e vita frugale. Credito fotografico: Sconosciuto.

Alcune riflessioni sul legame tra il bitcoin ed elementi del movimento della "decrescita", che sostiene che la crescita economica infinita ci sta portando verso un percorso insostenibile ed ecologicamente distruttivo.

La scorsa settimana ho introdotto l'idea delle valute di controstallia. Il mio obiettivo era quello di esplorare il suo rapporto con il bitcoin e la decrescita. Dal momento che il demurrage è progettato per eliminare (ipoteticamente) gli interessi e l'inflazione, si sovrappone al ruolo del bitcoin nell'aiutarci a produrre un sistema economico sostenibile e rispettoso del pianeta.

Ci sono un paio di modi per implementare una valuta di questo tipo utilizzando il bitcoin. Tuttavia, prima di entrare nel merito, voglio dedicare un'altra newsletter all'esplorazione di un'applicazione reale, nel 21° secolo, di una moneta complementare di controstallia. Per questo motivo, rimando alla prossima settimana la discussione sui pericoli delle valute di controstallia e sul modo in cui un'implementazione in bitcoin elimina questo pericolo.

La valuta di demurrage è quella in cui il valore di una moneta in circolazione diminuisce nel tempo, a un tasso prevedibile. La zakat è una forma di dilazione islamica in cui una piccola percentuale della vostra ricchezza viene raccolta e poi effettivamente ridistribuita a chi ne ha bisogno o ad altri investimenti socialmente utili. A seconda del luogo in cui si vive nel mondo musulmano, o lo Stato raccoglie questa tassa di partecipazione e/o la regolamenta, o lo fa un centro religioso locale.

Il miglior esempio moderno di questo tipo di moneta si trova in una regione della Baviera, in Germania. Il Chiemgauer è una moneta complementare e regionale che, quando è in circolazione, scade dopo tre mesi. Il possessore paga una piccola tassa del 2% per far rivivere le banconote scadute. La contropartita, come già detto, viene reinvestita nella comunità. Chiunque detenga chiemgauer può cambiarlo in euro (1 chiemgauer = 1 euro, psst... è una stablecoin sostenuta dall'euro) con una piccola commissione di cambio del 3%. La persona che cambia dal chiemgauer all'euro può scegliere un'organizzazione non profit che riceverà la commissione come donazione.

La regione ha anche una cooperativa che agisce come un conto di risparmio, dove i possessori di chiemgauer possono depositare la loro moneta a interesse zero. È come un prestito, perché la cooperativa promette di restituire la moneta al 100% del suo valore nominale. In questo modo, si evita la svalutazione trimestrale e si viene ricompensati per non detenere la moneta. Il Chiemgauer può anche essere prestato (forse proprio da queste cooperative?) per investimenti locali. Per minimizzare il rischio, la valuta regionale viene prestata con un interesse del 7%, ma se la persona che detiene il prestito lo restituisce in tempo, l'interesse viene restituito per intero.

Altri incentivi ben concepiti incoraggiano le imprese e le organizzazioni non profit a partecipare e ad accettare la valuta. Per brevità, lascio al lettore la possibilità di approfondire l'argomento consultando la voce del wiki della Fondazione P2P (cliccare sul link per maggiori informazioni).

Le statistiche del sito web di chiemgauer suggeriscono che la circolazione della moneta è complessivamente più veloce di quella dell'euro. La prima adozione ha avuto una velocità molto elevata rispetto all'euro. Da allora, la tendenza del tasso di circolazione è diminuita fino a tornare alla velocità del 2005. Purtroppo i dati arrivano solo fino al 2015, quindi non abbiamo idea se la circolazione abbia continuato a diminuire o si sia stabilizzata intorno alla velocità iniziale di 4 volte superiore a quella dell'euro.

Il grafico di sinistra mostra la "velocità del denaro" (o tasso di circolazione) nel corso degli anni. La linea blu rappresenta la circolazione dell'euro e quella rossa la moneta regionale, il chiemgauer. Il grafico più a destra mostra un aumento delle vendite effettuate in chiemgauer. È interessante notare che la sua curva è simile a quella di un grafico di adozione con curva a S. Fonte del grafico: Chiemgauer.info

Ovviamente, le contropartite per una valuta regionale sono incredibilmente vantaggiose, soprattutto se si tratta di una valuta complementare. Vale a dire, una valuta che non sostituisce quella dominante, ma si affianca ad essa. Il numero di opportunità di mantenere una parte dei profitti all'interno della comunità è ampio. Inoltre, nulla impedisce al possessore di quella valuta di cambiare in un'altra valuta che abbia una migliore conservazione del valore. Inoltre, restituisce il potere monetario alla comunità e permette agli abitanti di questa regione di determinare la destinazione degli investimenti. Penso sia ovvio che una cosa del genere sarebbe un'utile aggiunta alla rete bitcoin (la recente taglia di 1 BTC per gli stablecoin su bitcoin lo suggerisce).

Ci sono però delle preoccupazioni per quanto riguarda le contropartite. Sebbene Kennedy scriva che una valuta di questo tipo non sarebbe inflazionistica, ho notato nella voce di Wikipedia che l'offerta di valuta è aumentata nel tempo anche se la partecipazione delle imprese e degli utenti si è stabilizzata. In rete sono disponibili pochissime informazioni che spiegano perché la comunità abbia scelto di aumentare l'offerta di valuta. La mia ipotesi è che l'euro sia ancora l'unità di conto. In ogni caso, questo tipo di valuta suscita preoccupazioni maggiori.

Numero #6

L'argomento di questo numero: Come la controstallia fiat porta naturalmente a un CBDC.

Bitcoin e decrescita mirano agli stessi obiettivi. Localismo, fine del denaro a debito e vita frugale. Credito fotografico: FirstPost.com

Solo alcune riflessioni sul legame tra il bitcoin ed elementi del movimento della "decrescita", che sostiene che la crescita economica infinita ci sta portando verso un percorso insostenibile ed ecologicamente distruttivo.

Per ricapitolare, dalle nostre ultime due newsletter, la controstallia è una forma di "tassa di possesso" che incentiva la spesa piuttosto che la detenzione di valuta. Ci sono molti vantaggi nell'avere una moneta complementare o regionale che funziona in questo modo, ma ci sono degli svantaggi quando questo tipo di moneta opera sotto un controllo centralizzato.

Torniamo per un attimo alla teoria dell'interesse di Silvio Gesell. L'economista britannico John Maynard Keynes era appassionato delle idee di Gesell e gli dedicò cinque pagine nel suo libro "Theory of Employment, Interest and Money". Keynes era anche critico nei confronti di Gesell e considerava la sua teoria dell'interesse incompleta. Keynes preferiva invece l'inflazione alla controstallia per stimolare l'economia.

Keynes e Gesell sono morti da tempo, ma le controstallie stanno tornando in auge. La conoscete già, anche se forse non sentite usare la parola controstallie. Stiamo parlando degli interessi negativi. Da quando la politica monetaria ha raggiunto lo zero per cento in risposta alla Grande Recessione, le banche centrali hanno preso in considerazione e sperimentato i tassi di interesse negativi.

Torniamo indietro per un momento. L'inflazione viene utilizzata per svalutare una valuta, in modo simile ma diverso dalle controstallie. L'inflazione svaluta la moneta in ogni momento della sua esistenza. Le controstallie svalutano la moneta solo quando viene trattenuta. In un sistema di controstallie, se detengo una valuta quando scade (diciamo che questo accade ogni tre mesi), devo acquistare un francobollo a una piccola percentuale del valore della valuta.

Se ho 100 dollari e la controstallia è dell'1%, devo acquistare un francobollo da 1 dollaro per poter mantenere in circolazione quella valuta. Le controstallie, in questo caso, sono come una partita a "patata bollente". Non volete essere voi a tenere in mano la banconota da 100 dollari quando scade, perché siete responsabili di riportarla in vita con il francobollo da 1 dollaro. Tuttavia, se presto 100 dollari a qualcuno o a una banca, quando il denaro mi viene restituito vale ancora 100 dollari, a meno che non lo tenga troppo a lungo e scada.

Con l'inflazione, se la valuta subisce un'inflazione annua dell'1% e io presto 100 dollari a qualcuno che me li restituisce un anno dopo, quei 100 dollari valgono solo 99 dollari. Indipendentemente dal fatto che li tenga o li presti, la valuta si svaluta. Inoltre, rispetto alla controstallia, l'inflazione è sottile, quindi il detentore della valuta potrebbe non rendersi conto del fenomeno. Mentre con le controstallie è evidente cosa sta accadendo al valore della valuta.

Torniamo ai tassi di interesse negativi. Qui ci sono due aspetti. In primo luogo, durante una grave crisi economica in cui i tassi di interesse sono già a zero, la banca centrale addebita alle banche commerciali le loro riserve, anziché accreditarle. In questo modo si incentiva la spesa piuttosto che la tesaurizzazione ed è qui che si applica la contropartita. In secondo luogo, quando un mutuatario chiede un prestito a una banca commerciale, gli viene corrisposto un interesse. In altre parole, il mutuatario guadagna sul prestito.

I tassi di interesse negativi presentano un ulteriore problema. I prestiti possono aumentare, ma il risparmio non necessariamente diminuisce. Quindi, per risolvere questo problema, per essere efficaci nel rilanciare un'economia che rischia di entrare in una spirale deflazionistica, dovrebbero espandersi in tutto il sistema economico ulteriori contropartite sulla detenzione.

Ecco dove la questione può diventare spinosa. Gli economisti e le banche centrali guardano ora a Gesell come fonte di ispirazione per risolvere il problema della tesaurizzazione del contante in presenza di tassi di interesse negativi. Per implementare una valuta di demurrage su scala, tuttavia, i governi dovrebbero fare una delle due cose:

  1. Creare nuovi tipi di banconote con una striscia magnetica che tenga traccia del controvalore, oppure
  2. eliminare del tutto il contante e creare una moneta digitale della Banca Centrale (CBDC).

Con tutto il parlare di CBDC, credo che sappiamo quale scelta le banche centrali stiano per fare. Una CBDC renderebbe molto facile per le banche centrali controllare quanto denaro avete nel vostro deposito bancario. Ciò comporta anche enormi problemi di privacy e di confisca. Oltre a queste preoccupazioni, un CBDC potrebbe rendere obsolete le banche commerciali. Ciò significa che i governi hanno un nuovo strumento di coercizione. Volete che i governi vi dicano come, dove e quando spendere il vostro denaro? Questo tipo di controllo è capitalismo di Stato in senso autoritario.

Pertanto, dobbiamo opporci alle valute di demurrage centralizzate perché l'effetto negativo di un maggiore controllo statale sul denaro è troppo distopico. Tuttavia, le CBDC sembrano essere in arrivo. Fortunatamente, abbiamo una scialuppa di salvataggio chiamata bitcoin. Come già detto, con il bitcoin possiamo ancora avere valute regionali e complementari di demurrage davvero interessanti. Infine, nell'ultima puntata di questa serie sulle valute di controstallia, parlerò di come possiamo usare il bitcoin per implementarle in modo democratico e trasparente.


Articolo da continuare... Come da nuovi numeri pubblicati.