Come la finanza tradizionale percepisce Bitcoin

Osservazioni dopo 13 anni di carriera in Goldman Sachs: Le nostre migliori scuole si limitano a spalmare teorie economiche preconfezionate sui loro studenti, che le accettano come valide John Haar | Swan

Come la finanza tradizionale percepisce Bitcoin
Pic by newsbtc.com

Autore: John Haar | Pubblicazione originale: 15/08/2022 | Tradotto da: 31febbraio | Milano Trustless | Link: How Legacy Finance Perceives Bitcoin

Orange pilled nella finanza tradizionale

Si dà il caso che io faccia parte del crescente numero di persone che hanno lasciato la finanza tradizionale per il mondo di Bitcoin. Bitcoin, non 'crypto'. Prima di entrare in Swan, ho trascorso quasi 13 anni a Wall Street presso Goldman Sachs. Ero nella divisione Asset Management e ho ricoperto ruoli nelle vendite istituzionali e nella gestione del portafoglio a reddito fisso. Durante il periodo trascorso in Goldman ho avuto molte conversazioni con i colleghi su oro, denaro sano, moneta fiat, keynesianismo, MMT e Bitcoin. Le mie conversazioni con i colleghi su oro/denaro/economia sono iniziate all'inizio della mia carriera, nel 2009, lo stesso anno in cui è stato lanciato Bitcoin. Ero all'ultimo anno di università quando si è verificata la crisi finanziaria, che ha avuto un ruolo enorme nel plasmare le mie opinioni e i miei studi di economia. Le mie conversazioni con i colleghi a proposito di Bitcoin sono invece iniziate nel 2017, dopo che Bitcoin ha raggiunto il mainstream, discusso su piattaforme come CNBC e Bloomberg.

Vorrei condividere le esperienze che ho avuto quando ho discusso di questi argomenti con persone che lavorano nella finanza tradizionale, comprese quelle che ritengo siano le opinioni comuni su questi temi.

Prima di condividere queste testimonianze, vorrei sottolineare la natura multiforme di Bitcoin. Chi è caduto nella tana del Bianconiglio sa che per comprendere Bitcoin è necessaria la comprensione di diverse discipline. Si possono citare economia, teoria monetaria, psicologia degli investitori, informatica, crittografia, energia, geopolitica, politica, teoria dei giochi, storia, privacy e diritti umani. È raro che qualcuno abbia una conoscenza approfondita della maggior parte di queste aree, per non parlare di tutte. Questo spiega perché è raro che qualcuno senta parlare di Bitcoin per la prima volta e ne colga immediatamente l'immenso significato. Questo è anche il motivo per cui la proverbiale tana del Bianconiglio è così allettante: i concetti da apprendere sono praticamente infiniti. È stato detto che molte persone sono cadute nella tana di Bitcoin e nessuno ha trovato il fondo. Jameson Lopp ha scritto che 'Nessuno capisce Bitcoin (e va bene così)',

Sebbene abbia menzionato diverse discipline che Bitcoin abbraccia (e sono sicuro che alcuni Bitcoiner ne indicheranno altre), ritengo che esse possano essere riassunte in due elementi principali:

  1. Capire cos'è il denaro sano; e
  2. Capire come Bitcoin possa avere successo come denaro sano.

La mia esperienza suggerisce che le persone che si occupano di finanza tradizionale raramente arrivano al secondo elemento. Questo accade per una serie di ragioni.

Principi della Moneta Sana - non insegnati a scuola, non discussi al lavoro

Le aziende finanziarie più prestigiose e legate agli studi accademici tradizionali, assumono da università selezionate quindi vale la pena di parlare di ciò che gli studenti imparano di solito su questi argomenti durante l'università. Posso parlare in prima persona della mia esperienza e confermare che, come studente di finanza, in nessun momento della mia esperienza universitaria mi è stato chiesto di riflettere sulle domande 'che cos'è il denaro?' o 'perché l'oro è diventato denaro?' Nessun insegnante, nessun libro di testo o altra parte del nostro programma di studi ha affrontato queste domande fondamentali. Non posso parlare per tutte le università, ma posso dire che nelle mie numerose discussioni con altre persone che si occupano di finanza, nessuno ha mai detto che questi argomenti sono stati trattati nelle loro università. E naturalmente nella comunità Bitcoin c'è un sostanziale consenso osservando che questi argomenti non vengono trattati nelle scuole, che si tratti di corsi di laurea, di laurea magistrale o di scuola superiore.

Una volta che si raggiunge un impiego nella finanza tradizionale, di sicuro non si discute di questi argomenti. Si iniziano a conoscere concetti economici e finanziari molto più complicati. In un modo strano, sembra che nessuno volesse ammettere di non aver pensato a queste questioni fondamentali, perché così sarebbe stato costretto a ricominciare dal punto di partenza nel pensare a come funzionano l'economia e il sistema finanziario. Ma che incentivo c'è a ripartire dal punto di partenza? Sono entrati in Goldman Sachs, dove ora parlano con clienti esperti di investimenti sofisticati, quindi sicuramente devono capire i fondamenti e la storia del denaro, giusto? Ignorano il fatto che non saprebbero dirvi quando o dove l'hanno imparato, né dirvi qualcosa di coerente sulle proprietà principali del denaro. Ma piuttosto c'è l'inconscio presupposto che la domanda 'che cos'è il denaro?' sia semplicemente troppo elementare per essere posta da una società di servizi finanziari d'élite.

European Bitcoiners is partnering with @BitcoinMagazine to get you 15% off on all Tickets for #Bitcoin Amsterdam Conference ! ⚡️

Fino al punto in cui, coloro che lavorano nella finanza tradizionale, se hanno un'opinione sulla storia o sui fondamenti del denaro, questa è quasi interamente modellata dall'economia keynesiana, e forse dalla MMT negli anni più recenti. Ciascuna di queste scuole di pensiero economico è fortemente favorevole alla pianificazione centrale e non fornisce spiegazioni razionali sul perché l'oro sia mai diventato denaro. John Maynard Keynes ha definito l'oro una 'barbara reliquia' e Ben Bernanke ha affermato che la proprietà dell'oro da parte del governo e delle banche centrali può essere semplicemente ricondotta alla 'tradizione'.

In realtà, nel corso della storia, il denaro è sorto naturalmente come merce nella società senza l'azione di alcun governo centralizzato. L'oro è diventato la forma di denaro predominante a livello mondiale perché, tra le materie prime, possiede le caratteristiche principali del denaro: durata, divisibilità, riconoscibilità, portabilità e scarsità. Per la cronaca, c'è chi fa un elenco più lungo delle proprietà chiave del denaro, ma le cinque elencate in questa sede ne rappresentano gli attributi principali. Il punto chiave è che non c'è alcuna discussione sulle caratteristiche del denaro a livello universitario, né nella finanza tradizionale.

Per essere chiari, non è che i principi della moneta sana vengano insegnati e poi sfatati dai keynesiani. Sarebbe più onesto. Potreste vedere un commento di sfuggita in un testo di economia in cui si afferma che l'anelasticità del gold standard causa depressioni e accaparramento, senza alcuna spiegazione logica del perché. È un peccato, ma i sani principi monetari non vengono insegnati in modo onesto o completo.

Se si chiedesse a qualcuno della finanza tradizionale 'cosa ne pensi dei Sound Money?', probabilmente non capirebbe nemmeno la domanda. E se la capissero, si tratterebbe di uno sviluppo relativamente recente, che potrebbe essere attribuito al movimento Bitcoin, che ha ispirato così tante persone a conoscere il denaro e il sistema monetario.

Pic by Arek Socha

Un altro esempio è il termine 'moneta fiat'. Nel 2010, l'unico posto in cui si poteva trovare il termine era su siti come Mises.org. Praticamente nessuno nella finanza tradizionale sapeva che il termine esistesse. Nella misura in cui la finanza tradizionale è ora consapevole del termine, credo che il merito sia del movimento Bitcoin. (Anche se, naturalmente, il merito del termine va all'economia austriaca prima di allora).

Molte persone si grattano la testa e si chiedono perché non venga insegnato nulla sulla natura del denaro nelle scuole. Potrebbero presumere che coloro la cui istruzione è specializzata nell'apprendimento del denaro debbano ovviamente trattare la storia del denaro o un'analisi di esso a partire dai principi basilari. Ma, a quanto pare, non è così. Le nostre migliori scuole si limitano a spalmare teorie economiche preconfezionate sui loro studenti, che le accettano come valide grazie alla natura prestigiosa delle scuole che hanno frequentato e al consenso di cui godono gli altri che hanno frequentato le stesse scuole. Le domande chiave non vengono quasi mai poste. Quando lo sono, coloro che offrono risposte che richiedono una rielaborazione dei concetti di denaro vengono spesso allontanati, non per il fatto che sono sbagliati, ma per la resistenza a fare il duro lavoro di apprendimento della materia. E purtroppo questo materiale non è mai stato presentato durante i costosi corsi scolastici in cui avrebbe dovuto venir insegnato per principio.

Sei fattori alla base della mancanza di supporto a Bitcoin da parte della finanza tradizionale

Bitcoin è una moneta sana basata su principi semplici, e per questo motivo non gode di grande sostegno nella finanza tradizionale, dove i principi della moneta sana sono in gran parte sconosciuti.

Scendendo un po' più in profondità, direi che gli operatori della finanza tradizionale non sono generalmente favorevoli a Bitcoin per una combinazione dei seguenti motivi:

  1. Non conoscono la storia o i fondamenti del denaro;
  2. Hanno dedicato quasi zero tempo alla scoperta di Bitcoin e si limitano a ripetere le obiezioni che hanno sentito nei media tradizionali;
  3. Sono stati condizionati a credere che la pianificazione centrale del governo, sia fiscale che monetaria, sia necessaria per la crescita e la stabilità economica;
  4. Sono seguaci del consenso ad alto livello, piuttosto che pensatori indipendenti;
  5. La loro visione del mondo è interamente incentrata sui Paesi sviluppati che non hanno sperimentato una crisi valutaria o un regime totalitario a memoria d'uomo
  6. Vogliono mantenere l'attuale sistema, in cui il semplice risparmio non è consentito ma deve essere invece investito.

I numeri da 1 a 5 sono incredibilmente comuni. Il numero 6 è meno comune, perché implica una comprensione del denaro sano.

Come già detto, il numero 1 deriva dal fatto che praticamente nessuno dedica tempo a questi argomenti a qualsiasi livello di istruzione.

Per quanto riguarda il numero 2, è un compito scoraggiante iniziare a imparare come funzionano la rete e il protocollo Bitcoin, e ammettere di essere ignoranti su un argomento non è comune nella finanza tradizionale. È molto più comune che si finga di essere ben preparati su un determinato argomento e che si prenda un'opinione forte a prescindere dalle proprie conoscenze di base - e questo è particolarmente vero per un argomento che tocca il mondo degli investimenti.

Per quanto riguarda il numero 3, direi che gli operatori della finanza tradizionale sono diventati sostenitori del keynesianesimo e della pianificazione centrale semplicemente perché questo è il dogma economico del nostro tempo. È quello che si impara nelle università ed è quello che la persona media ripete quando trova lavoro nella finanza tradizionale. Ma la stragrande maggioranza di queste persone non ha mai sentito parlare di economia austriaca, né tantomeno comprende i due lati del dibattito keynesiano/austriaco.

Per quanto riguarda il numero 4, la stragrande maggioranza delle persone che lavorano nella finanza tradizionale sono vittime del consenso, ricercato ad alti livelli. Sono persone che in genere hanno seguito le regole per tutta la vita: hanno ascoltato i genitori e gli insegnanti, sono andati bene a scuola, hanno seguito i passi che gli erano stati indicati come quelli che avrebbero portato al successo, e in genere si fidano dell'autorità e dei presunti esperti.
Non c'è nulla di intrinsecamente negativo in queste cose. Tuttavia, questi comportamenti non li portano a diventare pensatori indipendenti che adotteranno per primi una nuova attività o tecnologia. È più probabile che si fidino del fatto che un piccolo gruppo di persone con una laurea della Ivy League siano la scelta migliore per controllare la nostra economia e il nostro sistema monetario. Non importa che settimane prima dello scoppio della crisi finanziaria globale, Ben Bernanke ci abbia detto pubblicamente che i problemi dei mutui erano limitati ai subprime o che Fannie Mae e Freddie Mac non erano a rischio di perdite finanziarie. Non importa se Jerome Powell e Janet Yellen non sono riusciti a prevedere il più grande aumento dei prezzi al consumo che abbiamo visto negli ultimi quarant'anni, anche se questo è esattamente il tipo di cose che ci aspettiamo loro vedano prima di chiunque altro. I seguaci del consenso ad alto livello si fidano ancora del sistema, nonostante tutto questo. Nella misura in cui ammettono che persone come Bernanke, Powell e Yellen si sono sbagliate, credono ancora che se solo avessimo le persone 'giuste' al potere e se sviluppassero i modelli 'giusti', sarebbero in grado di gestire l'economia in modo corretto.

Vale la pena di fare un applauso all'epico articolo di Croesus 'Why the Yuppie Elite Dismiss Bitcoin'. È una lettura eccellente e approfondisce il concetto di 'high performer' che mantengono la fiducia nel sistema.

Infine, direi che ho trascorso la maggior parte della mia vita come un seguace del consenso di questo tipo fino a quando due cose hanno messo fine a tutto quanto: la crisi finanziaria globale e la piramide alimentare. Dopo di esse, non sono più riuscito a non vedere quanto gli 'esperti' potessero essere incredibilmente in errore quando si trattava di capire i loro rispettivi campi.Questo non significa che si debba sempre diffidare degli esperti. Usare una sorta di regola cieca come questa sarebbe sciocco. Tuttavia, rivela certamente che i presunti esperti possono sbagliarsi su argomenti critici.

Per quanto riguarda il numero 5, essi vedono solo il mondo locale che li circonda. Non possono immaginare una condizione di inflazione elevata e persistente, in cui i prezzi dei beni di prima necessità aumentano di diversi ordini di grandezza da un anno all'altro; o un mondo in cui il governo decide di svalorizzare la moneta da un giorno all'altro; o in cui il governo non permette di portare il proprio denaro oltre i confini del paese; o in cui confisca la ricchezza attraverso un sistema legale corrotto.
Molte persone nei paesi sviluppati possono pensare che l'inflazione persistente, i controlli sui capitali e la confisca siano rari. Ma se si guarda all'intero pianeta, queste cose sono tutt'altro che rare. Ecco perché chi proviene dall'Argentina, dalla Turchia, dal Libano, dal Venezuela o dalla Nigeria (solo per citarne alcuni) è in grado di comprendere molto più rapidamente la proposta di valore offerta da Bitcoin, rispetto a un seguace del consenso che vive in un Paese occidentale sviluppato e lavora nel settore finanziario.
Non c'è da sorprendersi se, osservando l'adozione di Bitcoin e criptovalute a livello di nazioni, si nota che quasi tutte le prime 20 sono paesi in via di sviluppo in cui sono in gioco queste dinamiche.

Gli Stati Uniti sono in realtà la principale eccezione. Questo mi fa sperare che gli americani non abbiano ancora perso la loro capacità di pensare in modo alternativo. Gli Stati Uniti sono stati fondati essenzialmente su un pensiero conflittuale. I Fondatori scelsero un governo federale limitato e definito perché non credevano che qualcuno potesse avere un potere unilaterale sul paese. Forse gli americani afferrano questo concetto meglio dei cittadini di altri paesi industrializzati. Ma sto divagando.

Pic by Kris

Per quanto riguarda il numero 6, le persone che hanno questo punto di vista molto probabilmente ricoprono ruoli dirigenziali e non ammetterebbero mai di non gradire Bitcoin semplicemente perché significa meno clienti e meno capitale da investire per la loro azienda. Se Bitcoin continuasse ad affermarsi come bene monetario di valore, utilizzato a livello globale, ristabilirebbe la linea di demarcazione tra risparmio e investimento. Significherebbe che i cittadini non sarebbero più costretti a investire il loro denaro duramente guadagnato nel tentativo di mantenerne invariato il valore. Le persone che lavorano in una società di investimento o in una banca di credito e che hanno capito questo non hanno alcun incentivo finanziario a fare o a dire qualcosa di positivo su Bitcoin finché continuano a lavorare nella finanza tradizionale. Ovviamente preferirebbero che il capitale mondiale fosse costretto a essere investito in strumenti a cui le loro società, guarda caso, danno accesso e su cui guadagnano ghiotte provvigioni!

La Top 20 dell'Indice di adozione globale delle criptovalute 2021
Chainanal ysis

Le opinioni stanno cambiando, ma lentamente

A ulteriore sostegno dell'idea che la finanza tradizionale non è arrivata alle proprie opinioni su Bitcoin attraverso la ricerca o la comprensione, si consideri come il loro consenso sia cambiato così drasticamente negli ultimi 5-10 anni, eppure non sembrano nemmeno conoscerlo.
La finanza tradizionale ha radicalmente modificato la propria opinione su Bitcoin nel corso del tempo, senza riconoscere la chiara evoluzione del fenomeno. Bitcoin sta diventando un bene consolidato con usi reali in tutta la società. Quando le critiche passano dall'affermare che qualcosa è una truffa senza valore all'affermare che è correlato ai titoli tecnologici, o all'affermare che è così importante e dirompente che il governo lo farà chiudere, allora è chiaro che la prima valutazione fosse sbagliata. E va bene sbagliarsi, ma nella finanza tradizionale non c'è consapevolezza né ammissione di tali errori.

Un altro aspetto da considerare della finanza tradizionale è che è altamente specializzata. La specializzazione non è di per sé una cosa negativa, ma può portare a una mancanza di comprensione dei fondamenti di un sistema, perché i partecipanti sono concentrati solo sul proprio compito specifico. Per fare un esempio, ho lavorato con molte persone in grado di dire tutto sul mercato delle obbligazioni societarie, come gli emittenti, gli spread, i rendimenti, il valore relativo, i volumi di scambio, le nuove emissioni, voci di fusioni e acquisizioni, la legislazione e molto altro ancora. Ma queste persone dedicano esattamente zero tempo a pensare alla domanda 'che cos'è il denaro?'. Non sto dicendo che li biasimo o che dovrebbero agire diversamente. Si guadagnano da vivere conoscendo le specificità del loro angolo del settore dei servizi finanziari. Non sono molto incentivati a esaminare i fondamenti del sistema.

Conclusione

Per riassumere, le persone della finanza tradizionale che hanno un'opinione negativa di Bitcoin non sono arrivate a questa valutazione grazie a una ricerca o a una comprensione approfondita. Per diverse ragioni, mentre lavoravo nella finanza tradizionale, ho cercato di conversare su questi argomenti con il maggior numero di persone possibile.

Come ogni Bitcoiner sa, una volta che si è consapevoli della storia e dei fondamenti del denaro si diventa desiderosi di discuterne con chiunque. Questa è stata la mia situazione: ho studiato economia austriaca e ho imparato a conoscere il gold standard molto prima di aver sentito parlare di Bitcoin. Quando ho scoperto che Bitcoin è stato progettato tenendo conto di tutto questo e che migliora le debolezze dell'oro, mi sono entusiasmato ancora di più.

Volevo capire meglio perché la maggior parte degli operatori di finanza tradizionale fosse così contraria al gold standard e a Bitcoin. Forse perché sapevano qualcosa che io non potevo conoscere? Se c'erano colleghi che conoscevano i motivi per cui Bitcoin avrebbe fallito, volevo sicuramente parlare con loro. Dopo molte conversazioni, posso dire che se ci sono persone nella finanza tradizionale che hanno una posizione ben strutturata sul perché Bitcoin non è una buona forma di denaro o perché Bitcoin non avrà successo, non sono riuscito a trovarle. Considerando tutto ciò che è stato discusso qui, forse non è così sorprendente che la finanza tradizionale sia ampiamente contraria a Bitcoin.

Se non diversamente specificato, il contenuto di questo articolo è concesso in licenza ai sensi del CC BY-SA 4.0

Value for Value exchange (you can tip Milano Trustless for translations via Bitcoin Lightning): 31febbraio@getalby.com