Il leggendario tesoro di Satoshi Nakamoto

In genere non si considera che il denaro abbia a che fare con i viaggi nel regno non materiale dello spirito. Si ritiene, invece, che appartenga al mondo materiale. | Tomer Strolight

Il leggendario tesoro di Satoshi Nakamoto
Il leggendario tesoro di Satoshi Nakamoto

In genere non si considera che il denaro abbia a che fare con i viaggi nel regno non materiale dello spirito. Si ritiene, invece, che appartenga al mondo materiale.

Traduzione dall'originale di Tomer Strolight - pubblicato il 6 set 2022

Prologo: Bitcoin è il risveglio spirituale

In genere non si considera che il denaro abbia a che fare con i viaggi nel regno non materiale dello spirito. In genere si ritiene che appartenga al mondo materiale - può comprare certe cose. Ma non può comprare l'amicizia, l'amore, l'intelligenza o le risposte a domande profonde ed eterne sui misteri dell'universo. Anzi, il denaro è accusato di allontanare le persone da queste cose.

Questo, tuttavia, ci porta alla curiosa questione del Bitcoin.

Nel 2009 è stata creata e resa nota al mondo una nuova forma di denaro. Si chiamava Bitcoin. È diventato il bene più veloce al mondo a raggiungere una valutazione di mille miliardi di dollari. Ha attirato l'attenzione di tutto il mondo finanziario. Impressionante, ma non spirituale.

A parte questo, però, in modo del tutto inaspettato, molte persone che studiano il Bitcoin scoprono che suscita in loro viaggi spirituali che cambiano la vita. Quando poche cose al mondo ispirano esperienze di questo tipo, comprese molte di quelle che promettono di farlo, perché il Bitcoin lo fa, senza fare promesse del genere?

La nostra ricerca della risposta a questa domanda inizia all'inizio della storia del Bitcoin. È una storia diversa da tutte le altre.

Parte 1: La misteriosa apparizione (e scomparsa) di Satoshi Nakamoto

Appare una figura misteriosa

Appare una figura misteriosa.

Tutti amano le storie. Alcune sono vere, altre inventate e altre ancora sono un mix delle due.

La vera storia dell'origine della comparsa del Bitcoin nel mondo è uno dei misteri più affascinanti mai raccontati. Eppure questi eventi si sono svolti tutti nel XXI secolo, un'epoca in cui tutto viene registrato e può essere ricordato, indagato e verificato.

La storia si svolge così:

L'anno è il 2008. Un'epica crisi finanziaria mondiale minaccia di distruggere l'intera economia globale. I governi e le banche del mondo non sono in grado di evitarla. Nel migliore dei casi, riescono a rimandare le conseguenze, ma nel frattempo le aggravano. La distruzione di massa è nell'aria.

In questo contesto, apparentemente dal nulla, appare una figura misteriosa.

Si fa chiamare Satoshi Nakamoto.

Ma non vediamo mai il suo volto.

E non sentiamo mai la sua voce.

Perché non esiste un vero individuo di nome Satoshi Nakamoto.

Satoshi Nakamoto è un travestimento, un personaggio online.

La persona reale che si cela dietro questa identità è in grado di mantenere segreta la sua vera identità, proprio come i supereroi dei fumetti.

Nessuno gli ha chiesto di apparire o di fornire aiuto. Nessuno sapeva della sua esistenza. Nessuno conosce la sua vera identità.

Eppure, dal nulla, appare. E porta con sé un'invenzione, che chiama Bitcoin.

Spiega il funzionamento di questa invenzione in un breve documento scritto in modo impeccabile. In questo documento presenta anche una soluzione a un problema che matematici e informatici sostenevano non potesse essere risolto. Avevano dimostrato che non poteva essere risolto.

Tuttavia, nonostante l'impossibilità teorica di risolvere questo problema, Nakamoto fornisce una soluzione che funziona nella pratica. Ed è una parte essenziale del funzionamento della sua invenzione.

L'invenzione stessa funziona come una nuova forma di denaro, diversa da tutte quelle che l'hanno preceduta. È un denaro intangibile, ma incorruttibile, non governato da nessuna persona, nessuna istituzione, nessuna azienda e nessun governo. Si tratta di regole senza governanti.

Per un paio d'anni, il misterioso Satoshi mantiene il sistema, evangelizza l'idea e trova volontari che lo gestiscono e lo modificano insieme a lui. E poi - puff - silenziosamente, scompare. È un'uscita senza fanfare, nemmeno un annuncio. Se ne va e basta, inviando un'ultima e-mail a uno sviluppatore per dire che è passato ad altro e che Bitcoin è in buone mani. Non si sente più parlare di lui.

E in un soffio di fumo scompare.

Che ne sarà di questa invenzione? Abbandonata dal suo creatore, è ormai condannata?

Difficile! Nonostante non abbia un leader, non abbia dipendenti, non abbia finanziamenti né marketing, il Bitcoin prende vita e si diffonde in tutto il mondo.

Non è una democrazia. Non è una società. Non è un ente di beneficenza. Le sue regole fondamentali non possono essere modificate. È un'invenzione diversa da tutte quelle che l'hanno preceduta. Come tale, è indescrivibile con le parole esistenti. È necessario crearne di nuove per cercare di spiegarla.

E la sua creazione è di per sé difficile da descrivere. Nessuno è in grado di spiegare come Satoshi sia riuscito, in un unico atto, a risolvere un problema matematico irrisolvibile e a costruire un sistema in grado di funzionare da solo senza bisogno di regolare manutenzione. Il Bitcoin può funzionare, e di fatto funziona, da solo. Inoltre, il sistema è accessibile a ogni singolo essere umano sulla terra: nessuno deve sottoporsi a un processo di registrazione per usarlo, e nessuno può impedire ad altri di usarlo. E il sistema stesso non può essere fermato: persino i governi più potenti del mondo sono impotenti a fermarlo. È un sistema progettato per durare essenzialmente per sempre. Il suo progetto è in grado di funzionare per miliardi di anni senza mai esaurire lo spazio di memoria o esaurire gli ID degli utenti, né richiedere aggiornamenti significativi. Il suo funzionamento continuo si basa solo sulle leggi eterne e immutabili della matematica e della fisica.

Il Bitcoin fa così tante cose che nessuna invenzione prima di lui avrebbe potuto fare. La gente si chiede: "Come ha fatto Satoshi?". Ma poiché è scomparso, nessuno può chiedergli come ha fatto.

Scomparendo, Satoshi porta con sé questi segreti. Ma lascia dietro di sé, abbandonati, circa un milione di bitcoin che lui stesso ha guadagnato nei primi tempi, molto prima che le monete avessero un valore per gli altri.

Non possiamo chiedergli perché ha inventato Bitcoin, come è rimasto nascosto, perché è scomparso, come gli sono venute queste idee, o dove ha trovato la forza di rimanere nascosto dopo la sua scomparsa - sia nei momenti in cui Bitcoin veniva attaccato e sembrava che avesse bisogno del suo aiuto, sia quando il suo milione di monete ha raggiunto un valore di un miliardo di dollari, e poi di dieci miliardi di dollari.

Non possiamo che porci delle domande su Satoshi: che tipo di persona era questo misterioso creatore di Bitcoin, che ha risolto un problema ritenuto impossibile da risolvere, che ha tenuto nascosta la sua identità a ogni singola persona e agenzia del mondo, che ha costruito un sistema inarrestabile e indistruttibile, e che è misteriosamente scomparso e ha voltato le spalle alla fama, al potere e alla fortuna estremi, le ricompense così spesso ricercate da tanti.

Le domande sulla storia di Bitcoin sono più numerose di quelle che riguardano Satoshi. Nel nostro mondo moderno siamo stati educati a credere che le nazioni e le grandi aziende siano le entità più potenti del mondo. Eppure, mentre molte di queste si sono opposte al Bitcoin, cercando di vietarlo, distruggerlo, prenderne il controllo o competere con esso, nessuna è riuscita a farlo. Come fa il Bitcoin a sopravvivere nonostante abbia così tanti potenti nemici? Perché sono nemici? Perché alcuni hanno cambiato opinione diventando suoi alleati? Perché così tante persone sono diventate credenti nel Bitcoin come soluzione a molti dei problemi del mondo?

Quando ascoltiamo questa storia, dobbiamo ricordare a noi stessi che non si tratta di una storia distorta da migliaia di anni di storia, da cambiamenti linguistici, dalla mancanza di prove fisiche a supporto o da uno qualsiasi degli altri ostacoli di cui soffrono i miti antichi.

È accaduto davvero. E continua ad accadere sotto i nostri occhi!

Ci sono già molti capitoli emozionanti nella breve storia della Bitcoin. Si pensi agli episodi in cui nazioni come la Cina, la Turchia e l'India lo mettono fuori legge. O quando in America, potenti politici cercano di vietarlo. E i tentativi dei leader delle istituzioni finanziarie di usare la loro autorità e influenza per danneggiare e screditare il Bitcoin. Eppure il Bitcoin sopravvive a tutti questi attacchi. Ne esce rafforzato.

Le battaglie non finiscono qui. I capi delle più grandi banche del mondo prendono nota del Bitcoin. All'inizio lo deridono. Poi lo diffamano. Poi accolgono con favore quella che ritengono essere la sua tecnologia di base. Lentamente, iniziano ad accettarlo, ma rimangono cauti.

Grandi aziende come Facebook tentano di creare dei sostituti, facendo appello al loro enorme pubblico, alle loro riserve di capitale e alla loro reputazione. Falliscono.

Imprenditori e molti ciarlatani che si spacciano per imprenditori provano a costruire sistemi di imitazione. Ottengono il sostegno di grandi società di capitale di rischio. Spendono centinaia di milioni per commercializzare le loro alternative. Ma queste vanno e vengono come le stagioni. Il Bitcoin viene spesso imitato e spesso attaccato, ma mai duplicato o distrutto.

Se non fosse che la storia delle origini del Bitcoin è completamente documentata e verificabile, i critici potrebbero facilmente liquidare questa storia come un mito infondato, visto il numero di attacchi a cui il Bitcoin è sopravvissuto.

La storia risveglia lo spirito umano

Il nostro spirito si risveglia da un sonno di false credenze

Il nostro spirito si risveglia da un sonno di false credenze.

Ciò che lo rende così straordinario è che si tratta di una storia che va contro molte convinzioni diffuse:

Questa storia sfata la convinzione che non possiamo risolvere problemi che esperti, scienziati e matematici sostengono essere irrisolvibili.

Cancella la convinzione che una persona non possa mantenere la propria privacy o i propri segreti.

Elimina la convinzione che siano solo la fama, la fortuna o il potere a motivare le persone.

E annulla la convinzione che le nazioni e le aziende siano onnipotenti.

Tutte queste convinzioni sono completamente infrante da questa sola storia! Ci si rende conto che queste vecchie credenze si sono rivelate dei miti!

Questa storia dell'origine del Bitcoin distrugge credenze così diffuse nella nostra cultura attuale che non credere a nessuna di esse potrebbe essere considerato da molti un segno di pazzia o, per lo meno, un segno di irrealismo senza speranza.

Dopotutto, se non si è d'accordo sul fatto che le persone sono guidate dall'avidità, che si tratti di potere, denaro o fama, si è considerati così scioccamente ingenui da essere stupidi.

Se credete di poter creare qualcosa che vale centinaia di miliardi di dollari e che i governi e gli eserciti più potenti del mondo non potrebbero fermare, sarete etichettati come deliranti.

Se si sostenesse di poterlo fare restando completamente in pace, al di fuori degli occhi indiscreti dei media, delle agenzie investigative e di innumerevoli altre persone, la maggior parte direbbe che si è completamente ignoranti dei fatti della realtà.

Eppure, Satoshi ha dimostrato che tutte queste cose erano effettivamente possibili. La verità di questa storia ci costringe ad accettare che erano le nostre convinzioni a essere false, e che idee come queste non sono in realtà false e folli, ma vere e realizzabili!

Che cosa dobbiamo fare allora?

Distruggere le vecchie convinzioni per far posto a quelle nuove

Si dice che la natura aborrisca il vuoto. Quando qualcosa scompare, deve essere sostituito da qualcos'altro.

La frantumazione delle vecchie credenze è il punto di partenza per una nuova visione del mondo. Vedere che le nostre precedenti convinzioni erano false significa che dobbiamo cancellarle dal nostro sistema di credenze. Ma non possiamo lasciare il vuoto e l'indifferenza dove si trovavano una volta nella nostra mente. Dobbiamo sostituirle. Il racconto della storia di Bitcoin, nel frantumare le vecchie convinzioni, rivela quindi l'ingresso in un nuovo mondo di credenze che sostituiscono quelle vecchie e ciniche che ha cancellato. E, cosa ancora più importante, ci spinge a chiederci quali siano le implicazioni di queste nuove credenze.

Sorgono nuove domande, come ad esempio:

Dal momento che i proclami degli esperti possono essere falsi, quali lo sono in realtà?

Devo sforzarmi di mantenere la mia privacy?

Posso anch'io evitare di essere controllato da aziende e governi?

Quali sono le cose che apprezzo di più del denaro, del potere e della fama?

Come può essere ovvio ora, col senno di poi, il modo migliore per iniziare un nuovo viaggio spirituale è cancellare le vecchie credenze che non agitano più il nostro spirito - e che forse non lo hanno mai fatto. E poiché questo è ciò che fa la vera storia di Bitcoin, non sorprende che molti di coloro che la ascoltano intraprendano un viaggio spirituale, che implica il porsi domande quali: "Dove si trova davvero il potere oggi?"; "Cos'altro potrei credere che sia falso?"; "Cosa potrei essere in grado di realizzare che pensavo fosse impossibile?"; "Cosa potrebbero realizzare gli altri che ci è stato detto essere impossibile?"; "Cosa potrebbe davvero ESSERE possibile?!?!?!"; "Come potrebbe essere diverso il mondo se facessimo queste cose?!?!".

Entrare in questa "tana del coniglio", come viene chiamata, liberandosi di quelle precedenti convinzioni e assunzioni vincolanti, è per molti il momento del risveglio spirituale. La storia di Satoshi, essendo una vera storia di speranza piuttosto che una semplice storia di fantasia, libera molte persone dall'idea che la speranza sia solo un pio desiderio limitato al regno della finzione. Dimostra in modo inequivocabile che si possono realizzare imprese straordinarie, anche da parte di un singolo individuo!

Armati di questa convinzione - che molte più cose sono possibili di quanto si pensasse - si accende l'incentivo a sognare e a sperare, e a lavorare per far sì che quelle speranze e quei sogni si realizzino nella realtà!

Parte 2: Il viaggio spirituale inizia con una purificazione

La rimozione dei contaminanti consente l'esplorazione del puro

Per esplorare il Bitcoin è necessario porsi una domanda semplice la cui risposta si rivela essere molto complicata. Questa semplice domanda è: "Che cos'è esattamente il denaro?".

Perché dobbiamo porci questa domanda?

Si scopre che un'altra cosa che molti di noi davano per scontata è che il denaro è qualcosa che i governi delle nostre nazioni dicono essere denaro.

Ma Bitcoin si presenta e dice: "No, questo non è vero. Qualcosa di diverso è il denaro. Io, Bitcoin, sostengo di essere denaro. Sostengo che ciò che voi credete sia denaro, in realtà non è denaro. Sostengo che stia solo fingendo di essere denaro. Sostengo che questa finzione sia la causa di molti problemi della società. Io sostengo di poter risolvere questi problemi".

Se la storia della creazione di Bitcoin non avesse già mandato in frantumi le nostre altre convinzioni, diremmo semplicemente a Bitcoin: "Vattene e porta con te le tue folli affermazioni!". Invece siamo curiosi di capire cosa c'è alla base di questa affermazione. E se tiriamo un po' il filo di questa domanda, molte cose vengono svelate molto rapidamente.

Una cosa chiara sul Bitcoin è che si tratta di una pretesa di denaro che NON è emesso e NON è controllato dai nostri governi.

In precedenza, credevamo che il denaro dovesse essere emesso e controllato dai governi. In fondo è stato così per tutti noi, per tutta la vita. Ma il Bitcoin non si limita a dichiarare che solo i governi non sono una parte essenziale del denaro. Dichiara anche di essere denaro NON emesso o controllato da nessuno. Nessuna banca lo emette o lo controlla - nessun regolatore, nessuna azienda, nessun leader carismatico - nessuno.

Il Bitcoin ci chiede di separare l'idea di denaro dalle istituzioni e dalle persone che sono arrivate a controllare il denaro. Nel mondo di oggi si dà il caso che questi siano i governi, le banche centrali, gli addetti ai lavori della finanza, le potenti multinazionali, i militari e altre istituzioni estremamente potenti.

Il Bitcoin, se è denaro, è denaro separato da ogni controllo umano.

Il Bitcoin ci permette, per la prima volta nella nostra vita, di guardare all'idea di denaro puramente come denaro, separato da qualsiasi influenza e controllo contaminanti. Elimina le influenze esterne e distorsive sul denaro dalla cosa che il denaro stesso è. Ci permette di guardare al denaro da solo, in isolamento, nella sua forma più pura - il denaro purificato. Questo è vero indipendentemente dal fatto che si arrivi o meno a credere o ad accettare che il Bitcoin sia denaro purificato, perché solo facendo questa affermazione, il Bitcoin ci porta a chiederci "che cos'è il denaro purificato quando è separato dall'influenza di controllo degli altri?".

Alcuni di noi scoprono che il denaro stesso, che prima consideravamo parte integrante di un sistema corrotto da molte forme di malvagità, avidità, ingiustizia e iniquità, non ha nulla a che fare con queste cose. Scopriamo che il denaro è buono e che è vittima di quel sistema corrotto tanto quanto noi.

Impariamo che il denaro purificato è semplicemente un modo per trattare pacificamente con gli altri attraverso un accordo reciproco. Ci permette semplicemente di scambiare qualcosa che abbiamo, come i nostri beni, le nostre capacità o il nostro tempo, con altre persone, in cambio di qualcosa che loro hanno - il denaro. E che poi possiamo usare il nostro denaro per scambiare con qualcosa che qualcun altro ha - i suoi beni, le sue capacità, il suo tempo - senza forza, senza violenza, senza bugie, senza che qualcun altro ne prenda una parte, senza che qualcun altro ci dica se ci è permesso.

Il denaro puro è l'abilitatore di rapporti pacifici tra persone libere.

Questa è un'intuizione potente di per sé. Ma ci apre anche a un ulteriore passo nel nostro cammino spirituale: esplorare altre cose nella loro forma più pura.

La purezza.

Vedere che una cosa - il denaro - che pensavamo fosse necessariamente parte di un'istituzione malvagia, colpevole o imperfetta, si è rivelata in realtà innocente e buona quando è stata tolta dalle contaminazioni, fa sì che molti di noi si chiedano se lo stesso possa valere per altre cose - soprattutto per altre cose che sono strettamente avvolte in istituzioni complicate con motivazioni discutibili.

Siamo liberi di chiederci: "E se separassi qualche altra idea dalle istituzioni che ora la controllano?"; "Che cos'è l'istruzione a parte il sistema scolastico e le istituzioni che rilasciano titoli di studio?"; "Che cos'è l'assistenza sanitaria a parte l'establishment medico e l'industria farmaceutica?"; "Che cos'è la moralità quando viene spogliata delle autorità che ne rivendicano il monopolio?" e per alcuni, o forse per molti, "Che cos'è la spiritualità, la religione o Dio, a parte le istituzioni che pretendono di parlare a loro nome?".

E mentre iniziamo a esplorare queste domande, si scopre che per molti di noi la fonte di molte delle nostre preoccupazioni, della nostra rabbia, del nostro odio o delle nostre frustrazioni nei confronti di questi e altri argomenti non è in realtà legata all'idea centrale o pura. Sono invece le istituzioni che si sono avvolte intorno all'idea a contaminarla. Quindi, per quelli di noi che hanno rifiutato il regno morale, spirituale e religioso a causa dell'avversione o della diffidenza nei confronti delle sue istituzioni terrene, la Bitcoin ci fornisce ora un modello per chiedere e imparare qualcosa su quella cosa purificata, liberata da queste contaminazioni.

E se lo facciamo, allora inizia un altro viaggio, o più viaggi, con una cornice simile alla prima domanda che Bitcoin ci ha fatto porre: "Che cos'è veramente il denaro". Che cos'è in realtà essere sani? Cosa sono in realtà lo scopo, la moralità e lo spirito?".

Non è straordinario che la semplice domanda "Che cos'è in realtà il denaro?" dia inizio, per molti, a un viaggio il cui percorso potrebbe portare a porsi una domanda come "Che cos'è in realtà Dio?" - e poi a percorrere quella strada?

Parte 3: Il Bitcoin è denaro spirituale - Risvegliare lo spirito di libertà

La libertà, per essere apprezzata, deve essere esercitata.

Il Bitcoin è puramente digitale. È intangibile. È non materiale. Il non materiale è lo spirituale. Ne consegue che il Bitcoin è una forma di denaro spirituale.

Il Bitcoin richiede cose che provengono dal mondo materiale e non spirituale - tutta la matematica, la fisica e la programmazione dei computer. Tuttavia, richiede anche di giungere a una conclusione che affermi: "Questo è ciò che personalmente credo sia il denaro buono e puro, e che quindi userò come denaro".

Il raggiungimento di questa conclusione ha molte implicazioni - implicazioni spirituali.

In primo luogo, bisogna accettare che una cosa intangibile è comunque reale. Gran parte del rifiuto da parte di molte persone dell'idea che il regno "spirituale" sia reale deriva dalla sua immaterialità. Essi ritengono che sia vero quanto segue: "Se non posso toccarlo, allora non è reale, o almeno non è reale quanto un'alternativa che posso toccare". Molti credono addirittura che l'intangibile sia solo un'illusione. Alcuni arrivano ad affermare che la loro coscienza e il loro libero arbitrio sono solo illusioni. Non si può toccare la coscienza o il libero arbitrio, si sostiene, e quindi devono essere solo illusioni create da quelle cose che si possono toccare.

Tuttavia, se vi ritrovate a credere nel Bitcoin, avete raggiunto la convinzione che il denaro che non può essere toccato è più reale di quello che può essere toccato! E ancora una volta, avete un modello per riesaminare le vostre convinzioni precedenti sulla realtà e la purezza delle cose che non possono essere toccate.

Ma non è solo la sua intangibilità a rendere la scelta del Bitcoin una scelta che richiede l'accettazione di idee immateriali come reali e importanti.

La convinzione che il Bitcoin sia puro ha un'altra implicazione molto importante: Scegliere di utilizzare ciò che si ritiene puro. Anche questa è una decisione spirituale. Perché scegliere di usare denaro puro? Cosa c'è di speciale nella purezza? Perché non mischiare qualcos'altro? Dopo tutto, abbiamo un sistema monetario in cui sono già presenti il governo, le banche centrali e tutte le altre caratteristiche. Perché scegliere la purezza? La risposta non è ovvia. Per arrivare a scegliere un denaro puro rispetto a uno premiscelato con altre cose, bisogna sostenere che la purezza è bontà. O, per lo meno, si deve ritenere che la purezza lasci emergere la bontà di una cosa.

Possiamo fare una rapida esplorazione di questa idea attraverso un'analogia con il cibo. Consideriamo una banana pura e matura. Una banana pura può essere utilizzata in molti modi diversi. Può essere mangiata da sola, frullata in un frullato, cotta in un pane alla banana, aggiunta a una banana split o attaccata a un muro e venduta come opera d'arte. Ma una volta trasformata in qualcos'altro, la banana passa a uno stato diverso dalla pura bananosità, limitando così i suoi potenziali usi. Così, una banana pura può essere utilizzata da più persone per più cose di quanto non possa fare un frullato di banane e fragole.

Ed è proprio il fatto di NON limitare l'uso del denaro che i bitcoiners ritengono sia ciò che rende il bitcoin - denaro puro - migliore del denaro adulterato. Ciò significa che i bitcoiners ritengono che la libertà di scegliere cosa fare con il denaro sia un bene. I bitcoiners hanno espresso un giudizio morale su cosa sia la libertà, e hanno un'idea di cosa significhi: che significa essere in grado di fare scelte personali. La libertà è, ovviamente, un'altra idea spirituale. La libertà non si può toccare. Eppure, se si dà valore al denaro puro, si dà valore al denaro il cui uso è proprio l'esercizio della libertà.

Parte 4: I valori e la morale di un Bitcoiner

Guardatevi dentro: cosa ritenete buono? E perché?

Un cammino spirituale comporta quasi sempre la domanda: "Quali sono le cose più importanti?". Questo spesso porta la nostra attenzione alla morale e ai valori.

Un'azione morale è qualcosa che qualcuno considera un comportamento accettabile. Un'azione immorale è un comportamento inaccettabile. Un valore, invece, è qualcosa che qualcuno apprezza o valuta. Se non vi piacciono le banane, non le apprezzate, ma probabilmente non le definireste immorali. Potreste invece considerare immorale chi entra in un negozio di alimentari e inizia a distruggere tutte le banane, anche se voi stessi non apprezzate le banane.

Il viaggio nell'esplorazione di Bitcoin porta a chiedersi più volte lungo il percorso: "Bitcoin offre qualcosa che apprezzo o trovo morale?". Ci spinge a guardare nel nostro spirito per verificare cosa troviamo di morale e di valore.

Vale la pena sottolineare che Bitcoin non dice "Scegli me, perché sono buono". Dice semplicemente "Sono qui, come sono. Giudicatemi da soli. Scegli per te stesso. Se mi giudicate buono, usatemi. Se non lo fai, non usarmi". Non usi Bitcoin perché qualcuno ti ha costretto a farlo o perché Bitcoin ti ha obbligato a usarlo. Lo si usa perché, in base ai propri valori e alla propria morale, si sceglie di usarlo.

Vediamo più da vicino cosa significa. Una delle prime lezioni del percorso di apprendimento del Bitcoin è la consapevolezza che nessuno potrà mai cambiare certe cose del Bitcoin e che questo significa che in futuro non si potranno mai fare certe azioni, comprese quelle che vengono fatte continuamente nel nostro attuale sistema monetario. Un esempio di tale azione potrebbe essere la creazione da parte di un'autorità di più denaro in caso di emergenza, nel tentativo di risolvere una crisi economica.

Quando arriva a questa realtà sul Bitcoin - che non può essere cambiata - uno studente di Bitcoin deve chiedersi: "Beh, è una cosa buona o cattiva? O forse non è una cosa buona o cattiva, ma solo una scelta di valore, come se le banane piacessero o non piacessero?". Quindi, vediamo che è impossibile valutare la Bitcoin e raggiungere un giudizio su di essa senza metterla sotto la lente dei valori e della morale. Non è possibile eludere questa domanda e scegliere il Bitcoin senza considerare questo fatto.

Molte persone, quando arrivano a questa esatta domanda, iniziano a porla a molte altre persone, per vedere cosa ne pensano e perché. Inizia così un nuovo dialogo su ciò che è prezioso e morale. Queste discussioni rappresentano un riesame (o, in alcuni casi, un esame per la prima volta) di ciò che ognuno di noi considera morale e prezioso. Lo studio del Bitcoin non si rivela quindi un semplice studio della natura del denaro, dell'economia, della matematica o dei computer. Risulta essere uno studio dei propri valori e della propria morale - e cosa sono i vostri valori e la vostra morale se non parti profonde della vostra stessa anima. Woah!

Sì, lo studio dei Bitcoin non solo dà inizio a un viaggio spirituale che implica lo studio della purezza e della bontà del denaro, o della purezza e della bontà dell'istruzione, della sanità o di altri servizi comuni. Si parte anche per un viaggio di esplorazione di ciò che si trova nelle proprie valutazioni di ciò che è buono e di ciò che ha valore - secondo la propria anima.

Alcune persone, dopo averlo studiato, potrebbero rifiutare il Bitcoin. Se lo rifiutano, non sarà perché la matematica o la programmazione non sono corrette. Se lo rifiutano, sarà perché hanno guardato dentro il proprio spirito e hanno ritenuto le offerte di Bitcoin immorali o senza valore. E in effetti questa è l'affermazione che alcuni fanno.

Tuttavia, se accettate il Bitcoin, probabilmente non lo farete solo perché la matematica e la programmazione sono corrette. Non conosco un solo bitcoiner che si ponga il problema. Se scegliete il Bitcoin, lo scegliete perché giudicate che ciò che il Bitcoin offre è qualcosa di morale e di valore che nessun altro offre. Perché lo giudicate buono? Forse perché, ad esempio, non può essere rubato? "Buono", in questo caso, è un giudizio morale. È perché accettate spiritualmente che rubare è male.

Il Bitcoin vi chiede di scoprire da soli la vostra moralità, invece di dirvi cosa è o non è morale.

Parte 5: Il leggendario tesoro di Satoshi Nakamoto

Satoshi ha lasciato il più grande mucchio di Bitcoin al mondo. Cosa rappresenta?

Ci sono molti altri aspetti dello studio del Bitcoin che indirizzano i suoi studenti verso considerazioni spirituali, domande, discussioni e, spesso, anche risposte, ma non li esploreremo tutti, perché il nostro tempo qui è quasi finito.

Vi lascerò comunque con una nuova interpretazione di una parte dell'incredibile mito di Satoshi Nakamoto che ora potrete apprezzare.

Satoshi ha dato alla Terra il Bitcoin. Ha vegliato su di essa fino a quando non ha più avuto bisogno di un padre o di un leader, e poi l'ha liberata scomparendo per sempre. Quando lo ha fatto, ha lasciato dietro di sé un tesoro di circa un milione di bitcoin. Li ha lasciati in bella vista. Tutti possono vederli. Ogni bitcoin è visibile a tutte le persone nel mondo che guardano il suo registro pubblico, comunemente noto come blockchain. Il valore di queste monete cresce a dismisura, come il valore del Bitcoin. È il più grande mucchio di bitcoin al mondo che appartiene a una sola entità e quasi certamente rimarrà il più grande per sempre. Se il Bitcoin diventa tutto il denaro del mondo, sarà il più grande mucchio di denaro del mondo. Eppure nessuno può appropriarsene. È in bella vista eppure è intoccabile!

Potete quindi immaginare la bramosia e l'avidità che questo mucchio di denaro, in bella vista, susciterà in coloro che ambiscono alla ricchezza, alla fama o al potere. Li farà impazzire di lussuria e avidità. Passeranno molte ore, giorni o addirittura anni a cercare di capire come mettere le mani su una parte o su tutto.

È una forte sirena che dichiara a coloro che hanno fame di potere: "Qui giace il leggendario tesoro di Satoshi - prendilo, se puoi".

Tuttavia, man mano che questa fortuna cresce, servirà da esempio a tutta l'umanità: il denaro puro appartiene solo a chi lo ha guadagnato. E il denaro puro dà al suo proprietario la libertà di farne ciò che vuole.

E questo mucchio è il denaro di Satoshi. E ciò che Satoshi ha scelto di fare con esso non è stato comprare qualcosa di materiale. La sua scelta non è stata quella di usarli per diventare famoso e far sì che la gente gli dicesse quanto è bravo. La sua scelta non è stata quella di usarli per diventare un uomo potente sulla scena mondiale, influenzando le politiche che riguardano la vita degli altri.

Ha scelto invece di usare questo denaro per un altro scopo. Ha scelto di farne un monumento eterno dedicato allo spirito umano. Per rimanere lì, per sempre, a dimostrare che una sola persona può realizzare molte cose che altri hanno proclamato impossibili. È lì, per sempre, a dimostrare che una persona può opporsi a credenze ampiamente diffuse e dimostrarne la falsità. Dimostra che una sola persona può dare vita a un movimento che mette in discussione la necessità, la validità e l'autorità delle entità più potenti del mondo. È lì, per sempre, a dimostrare che una persona può sacrificare ricchezza, potere e fama per creare e fare ciò che è moralmente buono. È lì, per sempre, a dire che "l'umanità può fare cose buone che durano per sempre".

Con la crescita del Bitcoin, questo sarà un tesoro a cui tutti nel mondo guarderanno un giorno nella loro vita. Questo tesoro li guiderà a studiare il Bitcoin, forse solo perché sono spinti da un avido desiderio di ricchezza facile che li rende curiosi di sapere come potrebbero essere in grado di strappare una parte di questo tesoro. E quando questo tesoro porterà la loro attenzione sullo studio del Bitcoin, accenderà in molti di loro il proprio cammino spirituale.

Anche loro si chiederanno "Che cos'è esattamente il denaro"; "Che cos'è esattamente il denaro puro"; "Che cos'è esattamente l'istruzione pura, l'assistenza sanitaria, la moralità e altro ancora?".

Anche loro si chiederanno: "Chi sono io? Che cosa sono esattamente? Che cos'è l'io puro? Cosa faccio del mio tempo e della mia energia?".

Questo tesoro li porterà a intraprendere un viaggio che li condurrà a conoscere veramente, per se stessi, ciò che personalmente giudicano di valore, ciò che giudicano buono e ciò che scelgono di fare della loro vita, perché li porterà più vicini a sapere chi sono, puramente.

Quindi, la lezione che deve imparare chiunque guardi le monete di Satoshi, che sia con semplice curiosità, o con avidità, o con soggezione, è in realtà questa:

"Non sprecate il vostro tempo a cercare questo mucchio di denaro, perché se lo fate sprecherete il vostro prezioso tempo sulla Terra. Questo denaro non è vostro e non appartiene al voi puro. Questo denaro NON è in realtà il vero tesoro di Satoshi Nakamoto. Questo è solo un monumento incorruttibile che rende omaggio al vero tesoro. Il vero tesoro leggendario di Satoshi Nakamoto è invece a vostra disposizione. Ed è disponibile per tutti. È disponibile senza alcun costo monetario. Il vero tesoro leggendario di Satoshi Nakamoto è costituito dalle scoperte a cui arriverete nel vostro personale viaggio spirituale per scoprire cosa è vero, cosa è puro, chi siete e cosa farete del vostro prezioso tempo perché lo giudicate prezioso e buono. È scoprire il tesoro incalcolabile che è il puro, autentico, incontaminato, te stesso - un tesoro più raro e prezioso di qualsiasi altro che mai esisterà".

Il vero tesoro

Tomer Strolight